Ucraina, tre vittime civili vicino Donetsk. Esplosioni a Kiev

Razzi russi, secondo i media ucraini che citano il governatore Pavlo Kyrylenko, hanno colpito un edificio industriale e aree residenziali nel villaggio di Niu York

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:29
Ucraina
Kiev 02/03/2022 - guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: camion distrutto ONLY ITALY

Nel corso del sessantaquattresimo giorno di guerra in Ucraina, proseguono i bombardamenti delle forze armate russe, anche con vittime civili, e a Kiev sono state sentite due esplosioni durante la conferenza stampa del segretario generale delle Nazioni unite Antonio Guterres e del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Un cittadino britannico, Scott Sibley, è stato ucciso in Ucraina e un altro è dato per disperso, ha affermato un portavoce del Foreign Office. Secondo Sky News, si tratterebbe di due volontari che si sono uniti alle forze ucraine per combattere contro i russi, ma manca una conferma ufficiale in merito. Si è tenuto oggi, secondo quanto riferito dalla vicepremier ucraina Iryna Vereshchuk, un nuovo scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia. Le autorità ucraine hanno inoltre comunicato il numero delle vittime civili nella regione di Kiev in questi oltre due mesi di conflitto, 1.150.

Esplosioni a Kiev

Raid russi hanno colpito la capitale dell’Ucraina, ha reso noto il sindaco Vitali Klitschko, dove il segretario generale dell’Onu, che ieri aveva incontrato a Mosca il presidente russo Vladimir Putin, era in visita dal capo di Stato ucraino. I missili russi hanno colpito una zona vicina al centro di Kiev, vicino all’ambasciata britannica, ha constatato l’Ansa sul posto. Sul posto sono accorsi polizia, militari e almeno due ambulanze, ha constatato l’Ansa sul posto. “In serata i russi hanno attaccato di nuovo la capitale ucraina con i missili”, ha annunciato sempre il primo cittadino su Telegram, parlando di “due attacchi registrati nel distretto di Shevchenkivskyi“, una zona nel centro della città. I raid russi su Kiev erano mirati ad “umiliare l’Onu“, ha detto il presidente ucraino Zelensky, commentando l’attacco con due missili che ha colpito il centro della capitale. Uno degli obiettivi colpiti dai raid russi nel centro di Kiev è una zona residenziale e si registrano “vittime”. Lo ha reso noto una portavoce dei servizi di emergenza ucraini. Due ordigni avrebbero colpito “un obiettivo sensibile” e un palazzo residenziale accanto, dove c’erano delle persone. Non è stato ancora chiarito il numero delle vittime, e se si tratti di morti o feriti.

Cittadini britannici

Il cittadino britannico ucciso in Ucraina dalle forze russe, la cui morte è stata confermata oggi dal Foreign Office insieme alla notizia di almeno un altro connazionale disperso, Scott Sibley ed era un veterano delle forze armate di Sua Maestà, riporta Sky News Uk. Il ministero degli Esteri britannico ha affermato che sta fornendo supporto alla sua famiglia e anche a quella del disperso, oltre a cercare notizie per ricostruire quanto accaduto.

Donetsk

Un attacco russo ha colpito il villaggio di Niu York, ad una quarantina di chilometri da Donetsk, uccidendo tre persone. Lo riferiscono i media ucraini citando il governatore dell’oblast di Donetsk Pavlo Kyrylenko. I razzi russi hanno colpito in mattinata un edificio industriale e aree residenziali, ha spiegato, danneggiando almeno nove abitazioni.

Mykolaiv

Le forze russe hanno bombardato quartieri residenziali di Mykolaiv danneggiando case, automobili e negozi, riporta l’agenzia di stampa ucraina Ukrinform citando il comando operativo ucraino del Sud. “Mykolaiv è stata nuovamente colpita dai lanciarazzi multipli Smerch. Decine di abitazioni private, automobili e negozi sono stati danneggiati. Le munizioni a grappolo hanno coperto campi da gioco e i cortili delle scuole. Saranno fornite informazioni sulle vittime”, ha affermato il comando operativo del Sud.

Scambio di prigionieri

Nell’ambito dello scambio di prigionieri di guerra con la Russia, 45 ucraini stanno tornando a casa, a reso noto la vicepremier di Kiev su Telegram, riferisce Ukrinform. “Ha avuto luogo un altro scambio di prigionieri. Oggi 45 dei nostri sono stati rilasciati dalla prigionia russa. Tra loro ci sono 13 ufficiali e 20 soldati (di cui cinque feriti)”, ha detto Vereshchuk, aggiungendo che sono stati rilasciati anche 12 civili.

Le vittime civili

I corpi di 1.150 civili sono stati recuperati nella regione di Kiev dall’inizio dell’invasione russa: lo detto il capo della polizia regionale della capitale Andriy Nebyton, riporta l’emittente televisiva britannica Cnn. “Abbiamo trovato circa 1.150 corpi di cittadini civili che sono stati uccisi e li abbiamo consegnati ai medici legali”, ha detto Nebyton. Il capo della polizia regionale ha inoltre sottolineato che le vittime “non erano in alcun modo coinvolte con la difesa territoriale o altre entità militari”. La maggior parte di loro proveniva dalla regione di Bucha, ha precisato, aggiungendo che “il 50-70% è morto per ferite da arma da fuoco, colpito da fucili automatici.

Vittime militari

Sono almeno 22.800 i soldati russi uccisi in Ucraina dall’inizio dell’invasione, rende noto l’esercito di Kiev. Nel suo ultimo aggiornamento sulle perdite subite finora da Mosca, l’esercito ucraino indica inoltre che dopo 64 giorni di conflitto si registrano anche 187 aerei da caccia abbattuti, oltre a 155 elicotteri e 215 droni. Inoltre, le forze di Kiev affermano di aver distrutto 970 carri armati russi, 431 pezzi di artiglieria, 2.389 veicoli blindati per il trasporto delle truppe, quattro sistemi di missili balistici, 151 lanciamissili, 8 navi, 1.622 veicoli, 76 autocisterne e 72 unità di difesa antiaerea e 31 unità di equipaggiamenti speciali.

Notizia in aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.