Tre scosse di terremoto in Emilia

La prima è stata avvertita poco prima delle 20, con epicentro a Bagnolo del Piano, le altre due alle 21 e 21.14 con origine Correggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:32

Tre movimenti tellurici in poco più di un’ora in provincia di Reggio Emilia, avvertita anche a Modena, dove è stato interrotto uno spettacolo al teatro comunale, e a Bologna. Non si segnalano danni. “Da subito è stato aperto il Centro operativo regionale della Protezione civile a Bologna e sono attivati quello di Modena, a Marzaglia, e di Reggio Emilia”, fa sapere il presidente di Regione Stefano Bonaccini. Dopo il secondo terremoto in Emilia, alle 21 a Correggio con epicentro 4.3, si sono registrate tre scosse di assestamento, sempre nel Reggiano. Alle 21.06, secondo l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, di magnitudo 2.2 a Bagnolo in Piano, poi alle 21.14, ancora a Correggio, magnitudo 2.6 e quindi alle 21.37 a Bagnolo, 2.7.

Le scosse

La prima scossa, breve ma avvertita nettamente nei due capoluoghi Reggio Emilia e Modena – anche in molte aree limitrofe fino in quelle confinanti con Lombardia e Veneto – poco prima della 20, ha avuto una magnitudo di 4.0 ed l’epicentro è stato individuato nel comune di Bagnolo in Piano a sette chilometri di profondità, secondo quanto hanno registrato gli strumenti dell’Ingv. A Modena, a causa del terremoto, è stato interrotto lo spettacolo in ricordo di Mirella Freni al Teatro comunale. Il coro, appena arrivato in palcoscenico, è stato fatto uscire, poi anche le persone hanno via via abbandonato la sala e il concerto è stato quindi annullato. “Finora spavento, speriamo solo spavento”, dice a Rainews24 il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, presente al teatro durante la seconda scossa di terremoto: “Volevamo ricordare il secondo anniversario della morte di Mirella Freni, poi abbiamo sospeso e sono venuto al centro regionale di Marzaglia per fare il punto. Le verifiche per ora ci dicono che c’è molta gente in giro, ma non abbiamo registrato danni”. A teatro nessun panico: “Abbiamo sentito la scossa e abbiamo deciso di sospendere e fare il concerto nelle prossime serate”, ha detto il primo cittadino.

La seconda scossa, di magnitudo 4.3, secondo l’Ingv, si è verificata alle 21 a tre chilometri da Correggio. Sempre in quel comune anche l’epicentro della terza, registrata alle 21.14, con magnitudo 2.6. “Molta paura, molte persone sono scese in piazza, in strada, alcuni non sono ancora rientrati. Al momento non abbiamo nessuna segnalazione di danno né a edifici né a persone. Stiamo per scrupolo organizzando i sopralluoghi nelle scuole e siamo a disposizione dei cittadini”. dice ad Ansa la sindaca di Correggio Ilenia Malavasi.

Bonaccini: “Sistema regionale allertato”

“Da subito è stato aperto il Centro operativo regionale della Protezione civile a Bologna e sono attivati quello di Modena, a Marzaglia, e di Reggio Emilia”, così il presidente Bonaccini. “La Protezione civile – prosegue – è al lavoro per le verifiche, insieme a vigili del fuoco e forze dell’ordine. Insieme ai prefetti delle province interessate. Io sono al Centro operativo di Marzaglia, a Modena, per un più efficace contatto con i sindaci e gli amministratori locali, mentre gli assessori Priolo e Mammi sono presso i centri operativi di Bologna e Reggio Emilia. Il sistema regionale è allertato, vicino alle comunità locali”.

Notizia in aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.