Recovery Plan, ok da Europa e Cdm: cosa prevede la bozza

Il Cdm promette all'Europa linearità al piano di rilancio e crescita. Franco: "Sostanziale via libera". E sul Superbonus sembra esserci la quadra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:03
Palazzo Chigi Recovery plan

Dalle 10 alle 21.30. Praticamente una giornata di ritardo ma, alla fine, a Palazzo Chigi ci si arriva. In differita, con l’ombra di una possibile frattura ma comunque seduti al tavolo. Con tanto di “sostanziale via libera al testo”, come l’ha definito il ministro dell’Economia, Daniele Franco. Il Cdm era di quelli delicati: discutere del Recovery plan e della distribuzione delle risorse europee, cercando di rispettare le aspettative degli italiani e i paletti fissati da Bruxelles. Alla fine l’ok alla bozza arriva sia dal Consiglio dei ministri che, come spiegato dal premier Draghi, dall’Europa stessa.

Recovery, promessa all’Europa

Il presidente del Consiglio parla di “disco verde” dal consesso continentale. E di “questioni molto marginali su cui la discussione continua”. Niente di irreparabile comunque, o almeno così sembra. Del resto, al di là del nodo Superbonus che ha tenuto sul chi va là per la posizione granitica dei Cinque stelle sulla proroga, le incognite erano soprattutto a livello continentale. La mossa giusta sarebbe arrivata con un colloquio intercorso fra il premier Draghi e la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, durante le interlocuzioni che avevano poi provocato lo slittamento.

Nodo Superbonus

Rilancio e crescita saranno le parole d’ordine. L’Europa ha strappato la promessa all’Italia di mantenere la rotta sul piano tracciato per la ripresa, decisa ma parallela alle direttive dell’Ue. Per quanto riguarda le beghe interne, sembra che alla fine la proroga del Superbonus arriverà. Orizzonte 2023, per consentire di limare alcuni dettagli tecnici e permettere un ricorso più lineare e meno burocratico da parte dei fruitori all’agevolazione. Qualora dovesse andare in porto, il prolungamento gioverà di nuove risorse in Legge di Bilancio. L’attesa è cominciata.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.