Proteste a Rotterdam contro le restrizioni, due feriti

Nel corso della manifestazione sono stati esplosi dei fuochi d'artificio e c'è stato un lancio di oggetti contro gli agenti di polizia, i poliziotti hanno sparato colpi di avvertimento. Appiccati diversi incendi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01
Foto Killian Lindenburg / Ansa

Due persone sono rimaste ferite questa sera a Rotterdam, durante una protesta contro le misure restrittive decise dal governo olandese. Tensioni tra i manifestanti e la polizia, con i primi che hanno esploso dei petardi e hanno lanciato oggetti contro gli agenti. Sono stati inoltre appiccati degli incendi. I poliziotti hanno sparato colpi di avvertimento e schierato cannoni ad acqua.

Cos’è successo

Secondo quanto riferito dall’emittente olandese Nos, nel centro della città diverse centinaia di persone hanno fatto esplodere pesanti fuochi d’artificio e hanno lanciato oggetti contro la polizia. Sarebbe stata incendiata un’auto della polizia, così come altri veicoli, mentre altre sono state danneggiate dai manifestanti. Anche i vigili del fuoco sono stati colpiti mentre spegnevano l’incendio. La polizia e il reparto antisommossa hanno schierato un cannone ad acqua.

La polizia

“Una manifestazione iniziata stasera alle 20 sul Coolsingel” – la principale arteria del centro di Rotterdam – “ha provocato rivolte. Sono stati appiccati incendi in diversi luoghi. Sono stati fatti esplodere fuochi d’artificio e la polizia ha sparato diversi colpi di avvertimento“, ha riferito in un comunicato la polizia della città olandese. “Ci sono feriti legati ai colpi sparati”, ha spiegato inoltre la polizia, che ha utilizzato anche i cannoni ad acqua per disperdere i manifestanti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.