Orrore a Sesto San Giovanni: 19enne uccide e fa a pezzi il padre

Il ragazzo, con problemi psichiatrici, avrebbe ucciso il padre con un coltello e dissezionato il cadavere. Poi ha chiamato i carabinieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:34
Omicidio Sesto San Giovanni
Foto © Ansa

Un fatto di sangue ha sconvolto la domenica mattina di Sesto San Giovanni, nel Milanese. I carabinieri hanno ricevuto la telefonata di un 19enne, studente incensurato, il quale ha confessato di aver ucciso suo padre, direttore di banca di 57 anni, e di averne fatto a pezzi il cadavere. Immediato l’intervento sul posto dei militari del Sis, assieme al medico legale. Appurati i fatti raccontati, i carabinieri hanno tratto in arresto il giovane, con l’accusa di omicidio aggravato. Il ragazzo si è avvalso delle facoltà di non rispondere e sarà trasferito in carcere a Monza. Tutto sarebbe avvenuto durante la notte o nelle prime ore del mattino. I militari sono giunti sul posto attorno alle 9, ritrovando il ragazzo, che da tempo sarebbe in cura per problemi psichiatrici, in stato confusionale. Nella telefonata aveva invitato le Forze dell’ordine ad affrettarsi poiché aveva ucciso suo padre.

Sesto San Giovanni, la ricostruzione dell’omicidio

Secondo i primi rilevamenti, riportati all’Ansa dal Procuratore della Repubblica di Monza Claudio Gittardi, il delitto sarebbe maturato a seguito di difficoltà nella gestione delle problematiche psicologiche del ragazzo. Il quale, era da tempo in cura presso il Cps di Sesto San Giovanni. I militari hanno parlato di una scena “indescrivibile”, col ragazzo che impugnava ancora un coltello, ritenuta arma del delitto ma, probabilmente, non quella utilizzata per il sezionamento del cadavere. Non è stata tuttavia ancora identificata la possibile arma usata, indicata dagli investigatori come necessariamente molto più grande. All’interno dell’appartamento non c’erano altre persone. La madre del ragazzo, infatti, separata dal padre non vive a Sesto San Giovanni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.