Nave Msf attracca al porto di Augusta

A bordo della Geo Barents 558 profughi, tra cui moltissimi minori, soccorsi in otto diversi interventi di salvataggio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:57
Foto Vesselfinder

E’ approdata nel porto di Augusta la nave Geo Barents di Medici Senza Frontiere con 558 profughi a bordo, tra i quali numerosi minori, in seguito all’assegnazione del “porto sicuro” da parte delle autorità italiane. Subito dopo l’attracco è stata decisa l’evacuazione solo dei casi sanitari urgenti, mentre le operazioni di sbarco di tutti gli altri migranti cominceranno domattina.

La situazione

La decisione italiana di assegnare come porto sicuro quello di Augusta era stata resa nota dalla stessa organizzazione umanitaria che nei giorni scorsi aveva sollecitato una soluzione della vicenda dopo il salvataggio dei migranti in otto diversi interventi, l’ultimo dei quali avvenuto alla vigilia di Natale.

Conte (Msf): “Potremo avere accesso alle cure”

“Siamo felici perché potranno sbarcare in Italia e avere accesso alle cure a cui hanno diritto”, dice l’attivista Fulvia Conte “Siamo felici per la donna all’ottavo mese di gravidanza che potrà finalmente essere visitata a terra; siamo felici per il bambino che sta viaggiando da solo e che potrà quindi essere inserito in un percorso per la sua tutela in Italia. Siamo felici per il ragazzo che ha ancora delle ferite aperte dovute alle violenze che ha subìto in Libia, siamo felici per tutti gli altri che abbiamo soccorso e che sono a bordo della Geo Barents”. Sappiamo che questa non è la fine del loro viaggio” – conclude – “ma siamo felici perché il loro sbarco è un passo molto importante perché la Libia non è un porto sicuro”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.