Giovane si toglie la vita dopo un incidente stradale

Si sarebbe sparato con un fucile da caccia di sua proprietà e regolarmente detenuto. I carabinieri si erano recati a casa sua per chiedergli se era alla guida di una delle due auto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:01

Lascia una madre e due fratelli più piccoli, anche se da un anno era andato ad abitare da solo sulle colline di Sant’Angelo in Vado, in provincia di Pesaro-Urbino, il giovane di 21 anni, Nicolas Matteucci, operaio in una ditta di assemblaggio di circuiti elettrici, che si è tolto la vita con il proprio fucile da caccia, regolarmente detenuto, dopo che i carabinieri si erano recati alla sua abitazione per via di un’incidente stradale in cui era stato coinvolto poco prima mentre era alla guida della sua vettura , lungo la SS 687 Pedemontana, nel comune di Lunano.

L’accaduto

L’incidente sarebbe avvenuto tra le tre e mezza e le quattro del mattino, tra la sua macchina e un altro veicolo, con alla guida una donna. Il ragazzo si sarebbe allontanato subito, dirigendosi verso casa, dal luogo dell’incidente, che avrebbe provocato solo danni alle vetture mentre la donna nell’altra auto sarebbe rimasta illesa, prendendo la targa e chiamando i carabinieri. I militari dell’Arma sarebbe andati a casa del 21enne intorno alle 4:30, scrive Ansa, chiedendogli se fosse stato lui alla guida dell’auto. Il giovane, riporta sempre l’agenzia, avrebbe ammesso la propria responsabilità e si sarebbe informato sulle condizioni della donna, poi avrebbe chiesto di andare a prendere dei documenti in camera e dove invece si sarebbe tolto la vita con un colpo di fucile.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.