Afghanistan, l’annuncio del nuovo governo dei talebani

Due persone sarebbero morte e otto ferite durante dei cortei di protesta ad Herat, ex sede del contingente italiano. "L'Onu non si impegna nel riconoscimento dei governi", ha detto il portavoce delle Nazioni unite

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:43

I talebani presentano il loro governo, che il portavoce Zabihullah Mujahid ha definito “provvisorio”, tra esponenti storici e figure che sarebbero nella “lista nera” delle Nazioni unite. “L’Onu non si impegna nel riconoscimento dei governi, quella è una questione che riguarda gli stati membri”, ha dichiarato il portavoce Farhan Haq. “Seguiremo questo processo con attenzione”, ha commentato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Il governo

Figurerebbe nella black list dei “terroristi o associati a terroristi” delle Nazioni unitel’uomo indicato come primo ministro, Mohammad Hasan Akhund, già consigliere politico del mullah Omar e governatore di Kandahar. Come vicepremier sarebbe stato scelto il il co-fondatore dei talebani Abdul Ghani Baradar, che aveva preso parte ai negoziati con gli Stati Uniti a Doha nel febbraio 2020. Il nuovo ministro dell’Interno Sirajuddin Haqqani sarebbe invece ricercato dall’Fbi, mentre alla Difesa andrebbe Mohammad Yaqoob, figlio trentenne del mullah Omar.

Le manifestazioni

Intanto nel Paese continuano i cortei di protesta, da Kabul a Herat. Qui, dove si trovava la sede del contingente italiano in Afghanistan, ci sarebbero stati due morti e otto feriti tra i manifestanti, mentre sarebbero stati fermati anche diversi giornalisti.

La comunità internazionale

“L’Onu non si impegna nel riconoscimento dei governi, e’ una questione che riguarda gli stati membri”, ha dichiarato il portavoce delle Nazioni unite Farhan Haq. “Non sappiamo quanto tempo durerà questo governo provvisorio. Il nostro dovere è quello di seguire questo processo con attenzione”, è stato il commento del capo di Stato turco Erdogan.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.