La Chiesa di Firenze in preghiera per non lasciare solo chi perde il lavoro

Arcidiocesi di Firenze, ieri in tutte le parrocchie una preghiera per i lavoratori della Gkn. Cardinale Betori: “Solidarietà per trovare una soluzione al problema”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
lavoro

Difendere il lavoro per tutelare la dignità umana. Ieri, per volere dell’arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori, in tutte le parrocchie dell’arcidiocesi di Firenze è stata letta un’intenzione di preghiera. Per i lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio che rischiano il posto di lavoro. “Le cose che ci stanno più a cuore noi le affidiamo al Signore. E la sorte di questi lavoratori ci sta particolarmente a cuore- spiega al Sir il cardinale Giuseppe Betori-.Per questo ho voluto che tutta la diocesi fosse unita in questa preghiera al Signore. Per portare di fronte a lui la richiesta che converta il cuore e le menti. Di coloro che hanno responsabilità in questa vicenda. Perché siano rispettati i lavoratori e le loro famiglie”.lavoro

Dignità del lavoro

L’intenzione di preghiera ha ripreso le parole di Papa Francesco “non esiste peggiore povertà di quella che priva del lavoro e della dignità del lavoro” (Fratelli tutti, 162). “Il suo pensiero ci guida in tutta la riflessione sui sistemi economici e la vita sociale– osserva Betori-. Il Papa ha inventato anche una parola ‘inequità’. Per dire che questi sistemi economici non sono equi, non sono giusti. E questa ingiustizia di fondo di certa economia di oggi si rivela nelle vicende umane. Proprio come in questa della Gkn. È quindi molto importante per noi ritrovare la centralità del pensiero sociale della Chiesa. Attorno al valore della persona umana. Ai principi di sussidiarietà e solidarietà. E al tema del bene comune. Sono tutte stelle che dovrebbero guidare la strada di chi vuole trovare una soluzione. A questo problema della Gkn di Campi Bisenzio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.