Covid, calo dei nuovi casi e dei decessi

In un giorno sono stati effettuati 341.191 tamponi, molecolari e antigenici, e il tasso di positività è sceso dal 22% al 20,8%

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:31
Covid bollettino

Diminuiscono i nuovi casi giornalieri di positività al Covid individuati nel nostro Paese, così come i decessi, in base agli ultimi dati del Ministero della Salute. Si dimezzano, scendendo a quattro, le regioni classificate a rischio alto, salgono a tre quelle ritenute a rischio basso, le altre sono a rischio moderato, di cui cinque però ad alta probabilità di progressione, secondo il monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di Sanità- Ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia di Covid.

I dati

I nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 71.075, quando ieri erano stati 80.653, mentre i decessi scendono da 157 a 155.

In un giorno sono stati effettuati 341.191 tamponi, tra molecolari e antigenici, e il tasso di positività è passato dal 22% al 20,8% odierno.

Sono 405 i pazienti in terapia intensiva, mentre i ricoverati nei reparti ordinari sono 10.944 (40 in meno).

Monitoraggio

Questa settimana scendono da otto a quattro le regioni classificate a rischio alto: Emilia Romagna, Marche e Valle d’Aosta per la presenza di molteplici allerte di resilienza e una, la Toscana, per non aver raggiunto la soglia minima di qualità dei dati trasmessi all’Iss. A differenza della scorsa settimana, quando non risultava nessuna regione a rischio basso, oggi sono invece tre quelle classificate in questa categoria: Campania, Lazio e Molise, come evidenza il monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia di Covid. Restano cinque, come la scorsa settimana, le Regioni/Pa classificate invece a rischio moderato ma ad alta probabilità di progressione: Pa Bolzano, Pa Trento, Umbria, Abruzzo e Calabria; nove infine le Regioni/Pa classificate a rischio moderato: Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Puglia, Sicilia, Piemonte, Sardegna, Veneto.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.