Calabria, Gino Strada: “Accordo fra Emergency e Protezione Civile”

In un post su Facebook, il medico e attivista annuncia l'inizio del lavoro per la sanità regionale "per rispondere all'emergenza"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:05

Forse è in arrivo il punto di svolta per la Sanità calabrese. Dopo tre dimissioni in dieci giorni, sembra arrivata l’ora del fondatore di Emergency, Gino Strada, di offrire il proprio sostegno alla Regione, anche se non nelle vesti di commissario. “Oggi pomeriggio – scrive su Facebook – abbiamo definito un accordo di collaborazione tra Emergency e Protezione civile per contribuire concretamente a rispondere all’emergenza sanitaria in Calabria. Inizieremo domani mattina a lavorare a un progetto da far partire al più presto“. Un messaggio concluso con un ringraziamento al Governo “per la stima che ha dimostrato per il lavoro di Emergency”. E anche alle tante persone che ci hanno dato fiducia, offrendo da subito il loro sostegno”.

L’intervento di Speranza

Sull’ipotesi Strada per la Sanità calabrese, in giornata era intervenuto anche il ministro della Salute, Roberto Speranza: “Con Gino Strada ci sono state nelle ultime ore delle interlocuzioni importanti – ha detto a Cartabianca -. E io credo che il suo contributo sarà sicuramente importante per questa sfida in Calabria”. Speranza aveva poi spiegato che la sua posizione sarebbe stata valutata con il diretto interessato. Definendo “quali saranno le modalità più opportune per svolgere questo impegno”.

Il ruolo di Emergency

Secondo quanto emerso dopo l’annuncio di Strada, a Emergency toccherà la gestione degli ospedali da campo e il supporto all’interno dei Covid Hotel e nei punti di triage negli ospedali. Secondo quanto riferito dal Dipartimento di Protezione Civile, “considerando l’evoluzione della situazione epidemiologica in atto si è ritenuto che l’Associazione Emergency possa contribuire a rispondere ad urgenti esigenze di assistenza socio-sanitaria alla popolazione”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.