Brindisi, perde la vita in mare per salvare la figlia

Il genitore, un 47enne di Bari, si sarebbe sentito male dopo aver messo in salvo la figlia, senza riuscire a uscire dall'acqua

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:29

E’ morto per salvare la vita a una delle figlie gemelle di 11 anni, che rischiava di annegare a Forcatella, nel brindisino. Probabilmente l’uomo ha avuto un infarto a causa dello sforzo ed è annegato, forse aveva ingerito troppa acqua nuotando. E’ accaduto poco dopo le 17, nella località dove la famiglia era andata partendo da Bari.

Cos’è successo

A causa del vento maestrale il mare si è agitato la bambina, che in quel momento stava facendo il bagno, non riusciva più a tornare a riva a cause delle onde. Il padre, appena l’ha vista in difficoltà, si è tuffato e dopo aver nuotato a lungo è riuscito a mettere la figlia nelle condizioni di raggiungere il bagnasciuga. Dei bagnanti, quando hanno visto che annaspava, si sono tuffati per aiutarlo ma quando l’hanno raggiunto era ormai troppo tardi, il 47enne era già morto. Saranno le indagini a chiarire la dinamica dell’accaduto. Sono intervenuti gli uomini della Capitaneria di Porto e i Carabinieri.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.