Belgio, terrore al Carnevale: auto sulla folla a La Louvière

Almeno 6 vittime e 10 feriti gravi alla festa popolare di Strépy-Bracquegnies, nella cittadina belga. Il conducente è stato arrestato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:58
Auto folla La Louvière Belgio

La pandemia, la guerra in Ucraina, una crisi economica con pochi precedenti nella Storia. E ora anche il ritorno di un incubo. A La Louvière, nella regione belga della Vallonia, la tradizionale festa popolare di Carnevale si è trasformata in una notte di terrore, quando un’auto si è lanciata sulla folla di Strépy-Bracquegnies, verso le 5 del mattino. L’emittente belga Rtbf, citando l’unità di emergenza del comune di La Louvière, ha parlato di almeno 6 vittime, falciate dalla vettura lanciata a tutta velocità sui passanti. Il sindaco Jacques Gobert ha parlato di un’auto in corsa sulla folla, radunata per il consueto ramassage des Gilles, la tradizionale sfilata delle maschere carnevalesche. Il folle ha colpito anche altre 10 persone, tutte ferite gravemente.

La Louvière, sangue alla festa di Carnevale

L’uomo alla guida del mezzo, dopo aver seminato panico e morte, ha proseguito per la sua strada, finendo per essere intercettato e arrestato poco dopo. Non c’è ancora chiarezza sulle motivazioni che lo hanno spinto a sterzare verso i passanti e, almeno per il momento, non si è parlato di movente terroristico. Inizialmente, il quotidiano De Standard aveva parlato di un’auto in fuga inseguita dalla Polizia ma le Forze dell’ordine hanno già smentito questa versione. L’amministrazione di La Louvière ha messo a disposizione delle famiglie il palazzetto dello sport comunale, attivando un servizio di assistenza alle vittime. La città aveva indetto il periodo di Carnevale all’inizio di marzo, subito dopo l’allentamento delle misure restrittive dovute alla pandemia. La tradizionale festa di Strépy-Bracquegnies era iniziata proprio all’alba del 20 marzo con la sfilata dei Gilles, durante la quale le maschere passano davanti alle case del paese.

In aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.