Convegno AIL, Locatelli: “Oggi guariamo leucemie prima incurabili”

Locatelli è intervenuto stamane alla conferenza AIL per la 17° Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:18

Oggi guariamo patologie che una volta consideravano non curabili. Abbiamo straordinarie armi con dirette contro le lesioni molecolari che sottendono le patologie”. È quanto ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità e direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia Cellulare e Genica dell’ospedale pediatrico di Roma Bambino Gesù. Locatelli è intervenuto alla conferenza stampa promossa da AIL (Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma) in occasione della 17° Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma.

Franco Locatelli (CSS)

Lotta ai tumori con l’immunoterapia

In ambito ematologico, ha detto Locatelli riportato da Ansa, si sta rivelando decisivo l’approccio dell’immunoterapia “declinato sia come anticorpi monoclonali sia come cellule geneticamente modificate per essere indirizzate su bersaglio tumorale, qui l’allusione è alle CAR-T”.

“Celebrare la Giornata di AIL – ha aggiunto Locatelli – vuol dire rendere omaggio a uno dei pilastri che supportano la ricerca in ambito medico nel nostro paese. AIL svolge attività di straordinario pregio in una sorta di alleanza terapeutica con tutte quelle che sono le istituzioni e i centri ematologici del nostro Paese, supportando in maniera stroardinariamente meritoria sia le attività più orientate alla ricerca – sono innumerevoli i progetti che AIL sostiene – sia anche promuovendo i primi passi nella ricerca scientifica di tanti giovani”. Per Locatelli è importante anche l’attività che AIL svolge a favore “dei malati e delle loro famiglie nei percorsi di cura, che qualche volta possono essere complicati e rispetto ai quali avere accanto una istituzione come AIL dà un supporto fondamentale”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.