L’Agcom lancia consultazione su nuovo regolamento contro l’hate speech

I soggetti interessati dalla pubblica consultazione potranno proporre modifiche e integrazioni. Previste sanzioni da 30 a 600 mila euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10

Il Consiglio dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha messo a consultazione pubblica lo schema del nuovo regolamento in materia di tutela dei diritti fondamentali della persona, di rispetto del principio di non discriminazione e di contrasto ai discorsi d’odio (delibera 292/22/CONS).

Le nuove disposizioni del testo

Il testo – ricorda l’Agcom in una nota – è il frutto delle nuove disposizioni del Testo Unico dei servizi di media audiovisivi (D.lgs. n. 208/2021), che ha ampliato gli strumenti a disposizione dell’Autorità per la tutela dei diritti fondamentali della persona e di contrasto ai discorsi d’odio. Nello schema, sul quale tutti i soggetti interessati potranno proporre integrazioni e modifiche, si prevede che i programmi di informazione e di intrattenimento non debbano: contenere espressioni suscettibili, in maniera diretta o indiretta, di istigare a commettere reati o effettuare apologia degli stessi; offendere la dignità umana; diffondere, incitare, propagandare oppure di giustificare, minimizzare o in altro modo legittimare la violenza, l’odio o la discriminazione; offendere la dignità umana nei confronti di un gruppo di persone o un membro di un gruppo sulla base di uno dei motivi di cui all’articolo 21 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.

Le sanzioni previste

Ciò, in un’ottica di bilanciamento di valori di pari rango, quali la libertà di manifestazione del pensiero e la tutela dei diritti della persona. In caso di violazione dei divieti previsti dal nuovo regolamento, sono previste sanzioni da 30.000 euro a 600.000 euro. Le osservazioni sullo schema di regolamento dovranno arrivare entro 60 giorni dalla pubblicazione della delibera di avvio della consultazione pubblica sul sito web dell’Autorità.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.