GIOVEDÌ 07 MARZO 2019, 00:02, IN TERRIS

Tav: le intenzioni di Salvini

MINO GIACHINO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Manifestazione Sì-Tav
Manifestazione Sì-Tav
L

a questione Sì-Tav o No-Tav arriva ad una svolta definitiva? Dopo vent’anni di manifestazioni e proteste, anche violente, dei No-Tav, che hanno rallentato l’economia del nostro Paese al punto che abbiamo perso 20 punti di PIL pro-capite rispetto alla media europea, una scossa è arrivata il 10 novembre scorso con la grande manifestazione Sì-Tav, che ho organizzato insieme alle “madamin”.

Il governo giallo-verde si trova di fronte alla sua più grande contraddizione: la scelta tra crescita e decrescita. Un bivio cui si trova di fronte grazie – ed è questa la grande novità – alla discesa in campo della società civile, che ha dimostrato di avere più energie e più forza dei rappresentanti politici. In Piemonte, dove lo scontra tra fautori e contrari all’alta velocità è arrivato sino alle Canoniche, il ruolo di protagonista non l’hanno giocato i leader dei partiti ma gli esponenti della società civile favorevoli alla crescita e al lavoro. A nemmeno quattro mesi da quella grande manifestazione, il governo è chiamato alla prima decisione tra le sue grandi diversità che lo compongono. O si fa il nuovo tunnel di base dove potranno passare i nuovi treni ad alta velocità per passeggeri e merci (e l’Italia sarà dentro la rete di trasposti del futuro con enormi vantaggi economici e sociali) o non si farà e l’Italia continuerà a crescere poco e a non offrire un futuro interessante ai propri giovani.

La marcia dei 40mila dell’ottobre 1980 portò al referendum sulla Scala Mobile e alla riduzione dell’inflazione. Gli altrettanti 40mila della piazza Sì-Tav porteranno al rilancio dell’economia e del lavoro dopo dieci anni di depressione economica e sociale? Se Salvini manterrà la parola che mi ha dato a dicembre nel suo ufficio al Viminale, la risposta è sì. Conte ha promesso che la decisione arriverà entro domani. Il primo ministro, stupendo molti, quando si insediò disse di essere l’avvocato degli italiani. Se vuole davvero fare il difensore legale del popolo italiano, deve sapere che il primo problema del Paese è il lavoro. Solo la crescita potrà generare nuove occasioni di lavoro per i giovani e per i disoccupati. La decisione sulla Tav non interessa solo Torino o alcune regioni settentrionali, perché il rilancio dell’economia del Nord dà benefici a tutto il Paese.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Van der Bellen e Kurz
AUSTRIA

Governo: c'è l'ok di Van der Bellen ai tecnici

Nelle prossime ore Kurz dovrebbe presentare la lista dei nuovi ministri
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro