L’Isis incita al massacro: “Attaccate la Francia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:06

“Attaccate la Francia. Avvelenate acqua e cibo, investite le vittime”, è il nuovo e terrificante appello che si ascolta nel nuovo video pubblicato su internet dallo Stato Islamico. Tre combattenti francesi invitano i connazionali musulmani ad unirsi alla causa dei jihadisti in Iraq e in Siria, a raggiungere i Paesi dove si trova lo Stato Islamico e se non possono farlo li incitano a lanciare attacchi da “lupi solitari”. A riferirlo è il Site Group e il video è stato condiviso in rete lo stesso giorno in cui il governo francese ha approvato l’invio di altri sei caccia Mirage nei Paesi medio orientali per rafforzare la lotta contro l’Isis.

Tra i tre miliziani dell’Isis che appaiono nel video c’è anche Michael Dos Santos, 22 anni, identificato perché era apparso a volto scoperto durante la macabra decapitazione dell’ostaggio Peter Kassig e altri 15 prigionieri. Il governo francese ha reso noto che sono circa 1132 i francesi coinvolti nella jihad; il 23% di questi non è cresciuto in ambienti musulmani. Dos Santos rientra in questa percentuale in quanto proviene da una famiglia di immigrati portoghesi di confessione cattolica. Il giovane si sarebbe convertito all’Islam in età adolescenziale, prendendo il nome di Abou Othman ed era già noto alla polizia antiterrorismo già da qualche tempo: il ragazzo infatti aveva l’abitudine di rivendicare attacchi di vari o esaltare atti di violenza sui social network.

Il primo ministro francese Manuel Valls ha dichiarato che “i miliziani francesi coinvolti nel fenomeno dell’integralismo jihadista sarebbero oltre un migliaio e tra questi una cinquantina sarebbero morti in Siria – e ha concluso – sfortunatamente non siamo sorpresi di scoprire che dei francesi o residenti in Francia si trovano la centro di queste cellule e partecipano a questa barbarie”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.