Caso Mh370: lascia il capo dei controllori malesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:09

A un giorno dalla pubblicazione del rapporto sulla scomparsa del volo Mh370 della Malaysia Airlines cade le prima testa. Si tratta del capo dell'autorità di vigilanza dell'aviazione civile malese, dimessosi per le carenze nel controllo del traffico aereo che, secondo il dossier, si verificarono nel momento in cui il Boeing spariva dai radar. 

Dimissioni

Il documento, in particolare, il team investigativo ha sottolineato i gravissimi errori commessi dai controllori di volo in Malesia e Vietnam. Tra questi, mancano le “fasi di emergenza” necessarie dopo il volo da Kuala Lumpur a Pechino, con 239 persone a bordo svanite da display radar. Azharuddin Abdul Rahman, direttore generale del Dipartimento di aviazione civile, ha dichiarato che il rapporto ha rilevato che il controllo del traffico aereo non era conforme alle procedure operative standard. “Pertanto, è con dispiacere e dopo molti pensieri e riflessioni che ho deciso di dimettermi da presidente dell'Autorità per l'aviazione civile della Malaysia, con effetto quattordici giorni dalla data della lettera di dimissioni che ho presentato oggi”, ha affermato in una dichiarazione. 

Giallo

Il volo Mh370 è scomparso oltre quattro anni fa e rimane il più grande mistero dell'aviazione. Nessun segno di esso è stato trovato in una zona di ricerca dell'Oceano Indiano di 120.000 chilometri quadrati (46.000 miglia quadrate). In un rapporto di 495 pagine, gli investigatori hanno detto di non sapere ancora perché l'aereo è scomparso. Hanno detto che il corso dell'aeromobile della Malaysia Airlines era stato cambiato manualmente, e si è rifiutato di escludere che qualcuno oltre ai piloti avesse deviato il jet. Il ministro malese dei Trasporti, Anthony Loke, ha insistito ieri sul fatto che “l'aspirazione di localizzare l'Mh370 non è stata abbandonata” e ha promesso di “agire” contro qualsiasi condotta illecita commessa in base ai risultati.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.