L’affresco della Casa del Bracciale d’Oro di Pompei in mostra a Boscoreale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03

È uno degli affreschi più famosi di Pompei, la città seppellita sotto una coltre di ceneri e lapilli durante la terribile eruzione del Vesuvio del 79. Si tratta della grande parete affrescata con scene di giardino proveniente dalla Casa del Bracciale d’Oro: il giardino fu uno dei temi più significativamente sviluppati dai romani nella decorazione parietale.

La bellissima pittura pompeiana è rientrata lo scorso 14 agosto dal Grand Palais di Parigi, dove è stata esposta dal 15 marzo al 24 luglio in una mostra dal titolo “Jardins” assieme a opere di Fragonard, Monet, Cézanne, Klimt, Picasso e Matisse. Ora è possibile ammirarla a Boscoreale nel corso delle aperture serali in programma tutti i venerdì di agosto e i venerdì e i sabato di settembre al costo di 2 euro.

L’affresco parietale della Casa del Bracciale d’Oro di Pompei

L’affresco, che decorava la zona centrale della parete a sinistra dell’ingresso, può annoverarsi tra le più accurate rappresentazioni di giardino di III stile, risalente al secondo venticinquennio del I secolo d.C. La cura dei dettagli con la quale è raffigurato il lussureggiante giardino fiorito, genera un effetto realistico che permette di riconoscere diverse specie di piante dell’epoca: l’oleandro, il viburno, il vilucchione, la palma, la rosa, l’edera variegata, oltre alle varie tipologie di uccelli, volteggianti o posati sui rami degli alberi, come il colombo, il colombaccio, la gazza ladra, il passero e la rondine. La decorazione, rinvenuta negli anni ’70 in frammenti, è stata ricomposta grazie ad un complesso intervento di restauro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.