ARGENTINA, DUPLICE OMICIDIO A PILAR: SMEMBRANO I GENITORI E LUI MANGIA PARTE DEL CADAVERE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:56

Orrore a Pilar, in Argentina, dove un brutale crimine si è consumato all’interno di un nucleo familiare. Ricardo Klein, 52 anni, e Miriam Ester Kowalzuk, 50 anni, sono stati uccisi, smembrati e il loro corpo incenerito. A compiere il terribile delitto sarebbero stati i figli della coppia, fratellastri, che hanno dichiarato di aver compiuto il duplice omicidio dopo essere diventati amanti. Leandro Acosta e Karen Klein, rispettivamente 25 e 22 anni, hanno dichiarato di averlo fatto per salvare i fratellini più piccoli, vittime di abusi. Dalla ricostruzione dei rapporti familiari, sembra che Klein abbia abusato del figlio Leandro da quando il ragazzo aveva 11 anni. Ciò gli avrebbe causato gravi problemi psicologici e avrebbe commesso gli omicidi per vendetta.

In seguito ad una denuncia per l’improvvisa scomparsa di Ricardo Klein, le forze dell’ordine hanno effettuato un sopralluogo nell’abitazione della coppia, dove hanno fatto la macabra scoperta. Nel giardino c’erano diversi segni di bruciature, dove gli inquirenti ritengono che i due giovani amanti abbiano bruciato i corpi della coppia, inoltre sono state rinvenute alcune borse con dentro resti umani carbonizzati e, in un secchio abbandonato nel patio della casa, sono stati trovati resti di pelvi femminile, parti della colonna vertebrale e capelli. Secondo gli investigatori il ragazzo, dopo aver ucciso il patrigno, avrebbe anche compiuto atti di necrofilia.

Inoltre, dopo il sopralluogo nella casa, gli agenti hanno rinvenuto anche 8 mila dollari, una pistola calibro 9mm. Le cattive relazioni tra i componenti della famiglia e l’interesse dei due assassini per la casa in costruzione e per il denaro della coppia sarebbero alla base del delitto.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.