1370 nuovi casi da coronavirus in Italia. 143 i ricoverati in terapia intensiva.

Focolaio a Polignano a Mare: 78 i positivi in un’azienda ortofrutticola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:17
Fonte: Ministero della Salute

Sale a 1370 il numero dei positivi registrati oggi in Italia. I positivi totali sono 33.789. I casi totali ammontano a 280.153. 210.801 è il numero dei guariti dimessi (+572 rispetto a ieri). I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono pari a 143, con un aumento di uno rispetto al 07 settembre. I decessi in totale sono 35.563, mentre le vittime di oggi sono pari a 10. Arrivano a quota 1760 i pazienti ricoverati con sintomi( ieri 1719).  31.886 è il numero delle persone in isolamento domiciliare.  I casi testati in totale sono 5.636.663. I tamponi effettuati oggi sono 92.403, per un totale di 9.364.213.

La situazione regionale

La Lombadia è in testa per numero di positivi: 271. Segue la Campania con 249, la Puglia con 143 e il Lazio con 129. 105 è il numero di positivi in Veneto. La Sardegna ha 4 positivi al coronavirus. Trento e il Molise registrano 3 casi di positività.

Un focolaio a Polignano a Mare

Il Dipartimento di prevenzione della Asl di Bari ha rilevato 78 contagi da Coronavirus tra i dipendenti di un’azienda ortofrutticola di Polignano a Mare.
Dopo che una lavoratrice è risultata positiva al coronavirus, sono state attivate le procedure di sorveglianza epidemiologica all’interno dell’azienda. 159 sono i tamponi effettuati, dai quali è emersa la positività di 78 soggetti. La Asl di Bari ha dichiarato: “E’ prevista l’esecuzione di altri tamponi, in parallelo alla attività di sorveglianza sui contatti stretti dei positivi finora accertati”.

Sospetto caso a Crema

È scattato il protocollo anti-Covid in una scuola a Crema (Cremona). Un bambino ha la febbre. La temperatura è stata rilevata dai genitori prima di recarsi a scuola. Si è preferito procedere lasciando anche la sua classe a casa in attesa dell’esito del tampone. Se il tampone risulterà negativo, torneranno tutti subito in classe. In caso contrario saranno necessari tempi ben più lunghi

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.