Afghanistan, terremoto 5.9 a Sperah: migliaia di vittime

Karimi: "Chiediamo alle agenzie umanitarie di fornire soccorsi immediati alle vittime del terremoto per prevenire una catastrofe umanitaria"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:48
Terremoto Grecia

E’ strage ed emergenza umanitaria in Afghanistan dove ieri sera un terremoto di magnitudo 5.9 ha colpito il sudest del Paese al confine con il Pakistan.

Il numero delle vittime è salito in poche ore da qualche decina alle migliaia. Sono infatti già oltre mille le persone morte le macerie, ma si teme che il bilancio continuerà a salire. La cifra preliminare è stata data alla Bbc da un funzionario del governo locale che ha aggiunto che i feriti sono diverse migliaia.

Ancora ignoto il numero degli sfollati e l’entità dei danni materiali, ma si teme una catastrofe umanitaria di vaste proporzioni in un Paese tra i più poveri al mondo e con un governo preso con la forza dai Talebani meno di un anno fa, il 15 agosto 2021.

Epicentro a Sperah

La scossa si è verificata alle ore 01:46 (ore 23:16 in Italia) con epicentro nei pressi di Sperah, nella provicncia di Paktika. L’ipocentro è stato individuato a 10 km di profondità. Secondo l’Istituto geofisico statunitense (Usgs) la scossa è stata registrata a 44 km a sudovest di Khost, ad una profondità di 10 km.

Il sisma è stato distintamente avvertito fino a Kabul e anche nei pressi dell’aeroporto internazionale di Khost, a pochi chilometri dall’epicentro del terremoto. Il Centro Sismologico Euro Mediterraneo riporta che il terremoto è stato avvertito in un raggio di oltre 500 km, non solo in Afghanistan e Pakistan ma anche in India.

“Chiediamo alle agenzie umanitarie di fornire soccorsi immediati alle vittime del terremoto per prevenire una catastrofe umanitaria”, ha twittato il portavoce del governo, Bilal Karimi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.