Harry Potter, tra il gioco fantastico e le insidie della magia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

ALivorno le due Fortezze Nuova e Vecchia dal 24 al 29 agosto, riferisce Adnkronos, si trasformeranno nel regno magico della Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts e maghi e streghe si riuniranno per il quinto raduno nazionale Fan Harry Potter dal titolo “Ordine Scatenato”, organizzato dall'associazione Caput Draconis. Harry Potter è il protagonista del ciclo di romanzi fantasy, opera della scrittrice britannica Joanne Kathleen Rowling, pubblicati nel Regno Unito dal 1997 al 2007 dall'editore Bloomsbury e tradotti in oltre 60 lingue. Il raduno è un evento “per grandi e piccini” presentato a Palazzo Comunale a Livorno. “Sono un fan di Harry Potter – spiega all’Adnkronos  l'assessore alla cultura Simone Lenzi – e non nascondo che ho fatto la fila negli Stati Uniti per vedere uno dei film tratto dai romanzi della scrittrice Rowling. Harry Potter è stato un vero e proprio successo planetario. Sarò un frequentatore del raduno alle Fortezze”. L'evento è strutturato in numerose attività, tra cui le lezioni come in una vera scuola. Si impareranno nozioni di difesa contro le arti oscure; pozioni; cura delle creature magiche; incantesimi; divinazione; storia della magia; antiche rune. Le lezioni saranno tenute da giovani laureati, dottoranti, zoologi e da un antropologo di Liverpool.

Finzione e realtà

I sette libri di cui si compone la saga, sintetizza Treccani.it, corrispondono a sette anni di vita del protagonista, l'adolescente Harry Potter, che dagli undici ai diciassette anni frequenta la Scuola di magia e stregoneria di Hogwarts, dopo aver scoperto di possedere facoltà magiche innate ereditate dai genitori, di cui è rimasto orfano all'età di un anno. La presa di coscienza della propria natura va di pari passo con la scoperta del motivo della morte dei genitori, uccisi dal mago oscuro Lord Voldemort, morte a cui Harry è scampato grazie all'intervento di Albus Dumbledore (in italiano Albus Silente), saggio preside della scuola che lo ha affidato agli zii materni. Il cugino, un semplice bambino “umano”, viene presentato come una persona viziata, antipatica e molto poco attraente. Il ciclo, puntualizza Treccani.it, è un romanzo di formazione dove l'immaginario fantasy, nella ricchezza dell'invenzione di creature fantastiche e di qualità al di là dell'umano, metaforizza il cammino della vita. L'ambientazione mescola in modo arguto e umoristico il mondo contemporaneo inglese in cui vive Harry, e il mondo parallelo di Hogwarts, a cui si accede passando attraverso un muro della stazione di King's Cross di Londra. “La presenza di universitari è un valore aggiunto a questa manifestazione – dichiara all’Adnkronos l'assessora all'innovazione e università Barbara Bonciani -. Sono una fan di Harry Potter e seguirò sicuramente qualche lezione, anche se la mia preferita è Difesa contro le arti oscure”. Il raduno aprirà ufficialmente i battenti sabato 24 agosto alle ore 15 in Fortezza Nuova con la Cerimonia di Smistamento. Nei sei giorni si alterneranno, lezioni, Quidditch, caccia al tesoro notturna presso il Parco Centro Città, duello di incantesimi alla Terrazza Mascagni lunedì 26 agosto alle 22, Ballo del Ceppo martedì 27 agosto alle 22 in Fortezza Vecchia (evento a pagamento), scacchi magici mercoledì 28 agosto alle 15. Previsto anche un giro dei Fossi Medicei (a pagamento), da fortezza a fortezza, con approdo suggestivo e magico in Fortezza Vecchia. Gli studenti, sottolinea Adnkronos, saliranno dai sotterranei per raggiungere le aule dove si tengono le lezioni. Fulcro del raduno è la “trama”, ovvero la storia che si dipana nei giorni di attività, ambientata in una sorta di universo espanso. L'ingresso è gratuito. Per la partecipazione alle lezioni è richiesta la tessera dell'associazione, della durata di un anno. L'associazione Caput Draconis ha una pagina Fb ed un sito internet.

I rischi del fenomeno

“Assistiamo al paradosso di avere nelle nostre scuole e parrocchie bambini italiani che sanno poco o niente della propria religione ma conoscono a memoria nomi, riti e personaggi di culti noti, fino a pochi anni fa, solo agli studiosi del settore. È questo sicuramente il caso anche del maghetto più famoso al mondo che con il passare degli episodi mostrerà lo spaccato di un mondo oscuro e tenebroso. Harry Potter – avverte don Aldo Buonaiuto, esorcista e da sempre accanto al Servo di Dio don Oreste Benzi, in prima linea nel soccorrere le vittime dell’occultismo -. È enorme il numero di romanzi venduti e tradotti nei 5 continenti nati dalla penna della scrittrice J. K. Rowling all’inizio degli anni novanta. La saga di Harry e dei suoi due amici del cuore, Hermione e Ron, è composta, non a caso, da 7 libri (il 7, infatti, è notoriamente un numero magico). Nei 10 anni necessari alla pubblicazione di tutti i tomi sono state vendute circa 420 milioni di copie in 72 lingue diverse, comprese il latino e il greco antico”. E aggiunge don Buonaiuto: “Sono stati prodotti 8 film di grande successo, innumerevoli videogames, giochi da tavola, costruzioni, gadget scolastici, articoli di abbigliamento, è stato attribuito nientemeno che il nome Dracorex Hogwartsia ad una specie di dinosauro (in riferimento ad Hogwarts, la scuola per maghi descritta nella saga letteraria) ed è nato un nuovo genere musicale correlato alla serie: il Wizard Rock (rock del mago)”. È facile comprendere come tutto ciò abbia avuto un impatto fortissimo nella cultura popolare occidentale, specie nei giovanissimi. “Tanto per fare un esempio, poiché i sortilegi dei maghi sono pronunciati in latino, nelle scuole statunitensi si è registrato, negli anni, un incredibile aumento di studenti desiderosi di imparare quest’antica lingua! – sostiene don Buonaiuto -. Anche attraverso best seller esoterici come Harry Potter o a feste palesemente inventate per fini commerciali quali Halloween, i personaggi del 'maghetto' e della 'streghetta' sono stati nobilitati e glorificati quasi come eroi postmoderni, nuovi super-uomini con il potere di viaggiare nel tempo, creare dal nulla gli oggetti, scagliare incantesimi mortali o di guarigione, volare su manici di scopa e quant’altro la fervida immaginazione adolescenziale possa desiderare”.

Bombardamento di messaggi

A questo punto appare chiaro a don Buonaiuto che non si tratta più di innocui passatempi, considerando altresì la naturale difficoltà per un bambino di distinguere la differenza tra realtà e fantasia, soprattutto dinanzi ad un tale bombardamento di messaggi. Certo è che sono migliaia i manuali di magia per giovanissimi, dal titolo eloquente, ad essere commercializzati ogni giorno: “Manuale per apprendisti maghi”, “Centocinquanta incantesimi di magia bianca con le candele”, “La magia di Merlino, il mago”, “Rituali, incantesimi, sortilegi e pozioni della tradizione celtica”, “Il Vangelo secondo Harry Potter” e centinaia di titoli di questo tenore scritti per le fasce adolescenziali e pre-adolescenziali. “La magia, anche se sotto le mentite spoglie di attività ludico-ricreativa o addirittura spacciata per educativa, è, per i cristiani, sempre deleteria, specialmente per la coscienza in formazione di un minore – spiega don Buonaiuto -. Ai nostri giovani vanno date delle alternative contro quel martellamento mediatico a cui sono sottoposti quotidianamente, attraverso mille canali, sedotti da false offerte e utopici miraggi. È necessario aiutare le nuove generazioni ad affrontare la vita invece di proporre loro risposte illusorie, fantastiche e false. Queste presunte scorciatoie promesse dalle pratiche magico-esoteriche sempre si riveleranno prima o poi vie nefaste e tenebrose”. E cosi anche ai fan di Harry Potter: prima di saltare sulla scopa volante accertarsi, almeno per i minori, che la realtà è sicuramente ben altra cosa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.