Onu-Cnmi: il mondo della moda offre un’opportunità ai rifugiati

Attraverso il progetto "Fashion Deserves the World", 15 giovani rifugiati e migranti che desiderano trovare lavoro nella moda potranno formarsi per essere poi inseriti in varie aziende

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Moda

La moda apre la porta ai rifugiati. Nazioni Unite e Camera nazionale della moda italiana (Cnmi) si alleano per offrire un’opportunità a giovani migranti. Il progetto si chiama “Fashion Deserves the World”. E ha ottenuto il patrocinio dell’Ethical Fashion Initiative. L’iniziativa dell’Onu sulla moda etica. E si inserisce nel programma intrapreso dalla Camera nazionale della moda italiana. Per promuovere l’inclusività. E la valorizzazione della diversità nella moda. “Insieme- spiega Christian Richmond Nzi, fondatore e amministratore delegato di ‘Mygrants’- continueremo a fare cose folli. Rendendole normali”.

moda
Fonte: https://www.cameramoda.it/it/

Moda solidale

Il bando è rivolto a migranti, rifugiati e apolidi. Con una buona conoscenza della lingua italiana. E un forte desiderio di lavorare nel settore della moda. Le candidature vanno  inviate sul sito di Mygrants, verranno vagliate dalla start up. E sottoposte a Cnmi. I 15 finalisti seguiranno degli incontri di formazione. Per poi intraprendere dei percorsi lavorativi. Nelle varie aziende associate alla Camera della moda.moda

Opportunità

Dare un’opportunità è l’obiettivo del progetto “Fashion Deserves the World”. Destinato a 15 giovani rifugiati e migranti. Che desiderano trovare lavoro nella moda. I vincitori del concorso potranno formarsi. Per essere poi inseriti in varie aziende della moda. Il programma è stato presentato in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato. E delle passerelle di Milano Uomo. A promuovere “Fashion Deserves the World” è la  Camera Nazionale della Moda Italiana (Cnmi). Il progetto si inserisce nel calendario dell’UNHCR. Per portarlo avanti, la Camera della Moda si avvale delle competenze di Mygrants. Startup e società benefit fondata e guidata da Christian Richmond Nzi. Per offrire a rifugiati e migranti programmi di micro-learning. In tre lingue. Per consolidare le loro competenze. Facilitando l’ingresso nel mondo del lavoro. moda

Posti vacanti

“Fashion Deserves the World” non è solo un’opportunità per i rifugiati. Ma anche e soprattutto per le aziende italiane. “Nei prossimi 3-4 anni con i pensionamenti ci saranno 40 mila posti vacanti“. evidenzia il presidente della Camera nazionale del fashion. Aggiunge Carlo Capasa: “Per formare nuove competenze servono due anni. Sarebbe un disastro perdere la qualità del nostro artigianato. Di chi lascia il lavoro senza eredi propri. Il nostro obiettivo è trovarne. E in questo senso migranti e rifugiati sono dei patrimoni. Iniziamo con questo piccolo progetto. Che speriamo diventi presto grande“. Ed è un “sasso nello stagno”, sottolinea Capasa. Per il quale “anche a livello governativo bisognerebbe trovare dei percorsi formativi ad hoc”.

Sasso nello stagno

“Questa è un’operazione in cui vincono tutti– sostiene Laura Iucci (Unchr Italia)-. Le aziende hanno necessità di un ricambio. Con persone preparate e motivate. Secondo gli ultimi studi macroeconomici, le diversità portate dai migranti sono un valore aggiunto. In questo la Camera della moda sta svolgendo il ruolo di apripista”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.