MERCOLEDÌ 29 MAGGIO 2019, 11:50, IN TERRIS


POLITICA

Piepoli: "Ecco come si fa un buon exit poll"

Il celebre sondaggista: "Domenica scorsa abbiamo fornito dati attendibili"

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Elettrice al seggio
Elettrice al seggio
È

 un rito che si consuma ad ogni appuntamento elettorale. Nel lasso di tempo che va dalla chiusura dei seggi all’uscita delle prime proiezioni, moltitudini di italiani si posizionano davanti alla tv per seguire i dibattiti politici sugli exit poll. Fiumi di parole vengono spesi sui rinomati sondaggi effettuati tra gli elettori nel giorno stesso in cui costoro si recano al seggio. Specie negli ultimi anni, tuttavia, l’exit poll è diventato oggetto di perplessità: sono diversi gli opinionisti che lo ritengono ormai non più molto attendibile. Critiche che respinge con fermezza il prof. Nicola Piepoli, una vera e propria istituzione in Italia nelle ricerche di mercato e nei sondaggi, volto televisivo che appare ad ogni elezione da decenni.


Come funziona un exit poll

Intervistato da In Terris, afferma con orgoglio che l’Istituto Piepoli, di cui è presidente e fondatore, “ha dato dei dati che hanno poi avuto una perfetta corrispondenza con i risultati finali”. Il prof. Piepoli sciorina i numeri: “Alle ore 22, i nostri exit poll davano la Lega tra il 27 e il 32, il Pd intorno al 23, M5s al 19, Forza Italia al 10, Fratelli d’Italia al 6. Noi abbiamo lavorato bene”. Soddisfatto anche del lavoro svolto per le elezioni locali. “Prendiamo il Piemonte - commenta - noi abbiamo dato il 49% ad Alberto Cirio e il 36 a Sergio Chiamparino, i risultati finali sono stati 49,8 per Cirio e 35,8 per Chiamparino...”. Ma quali sono gli elementi imprescindibili per riuscire ad indovinare i risultati elettorali? “Avere - risponde - un buon campione di seggi da esplorare, dei bravi intervistatori distribuiti su tutto il territorio nazionale, delle efficaci strisce di ponderazione dei vari partiti, ovvero una buona elaborazione”. Ma ciò non basta. Come nella cucina di un bravo chef, questi ingredienti vanno lavorati con attenzione per trarre dei risultati. Eppure - spiega Piepoli sfatando forse un mito diffuso - le persone intervistate fuori dai seggi “non si aprono, ripetono sempre ‘il voto è segreto’”. Ciò che fa capire dove si indirizza il voto sono le caratteristiche dei votanti, cioè “sesso, età e condizione socio-economica”. L'analisi si concentra sul tipo di affluenza.


"Nuovo governo? Meglio di no"

Negli anni gli istituti di ricerca hanno dovuto aggiornarsi, anche perché i fattori che incidono sul voto sono “radicalmente cambiati”, spiega Piepoli. Che aggiunge: “Si figuri, io ho cominciato che c’erano democristiani e comunisti, oggi c’è una situazione molto diversa, con altri partiti che - dice con sarcarsmo - sono magari figli e nipoti dei loro predecessori, ma molto poco figli e molto poco nipoti...”. I nuovi partiti - prosegue - “sono entità diverse, che però esprimono sempre i bisogni fondamentali che sono di destra e sinistra”. Per Piepoli, dunque, la contrapposizione binaria che ha caratterizzato il secolo scorso non è scomparsa. Ci tiene a precisare, il celebre sondaggista, che lui è un tecnico, non un politico; pertanto rifiuta di esprimersi sulle motivazioni che potrebbero aver spostato i voti. Non si esprime nemmeno sull’ipotesi che, a seguito del capovolgimento dei rapporti di forza elettorali nella maggioranza di governo sanciti dalle Europee, possa cadere l’esecutivo. Però commenta: “Se il governo salta, è maggior lavoro per noi. Ma non è che io pensi a un benvenuto a nuove elezioni, perché frenano il pil. Meglio continuare così”. Chissà se Palazzo Chigi qualcuno ascolterà il consiglio del prof. Piepoli.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Laboratorio
NASCITE

Solo il 5% dei bimbi nati da gameti italiani

Nel 95% dei casi i donatori per la procreazione eterologa provengono dall’estero
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
Il Ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu
DIPLOMAZIA

Ministro turco: "L'Italia ci aiuti con i terroristi"

"L’embargo sulle armi porterà un vulnus nelle relazioni italo-turche"
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Bandiera cilena
CILE

Sale a 10 il numero delle vittime

Il Presidente Piñera: "Siamo in guerra". Arrestate 152 persone per violenze
L'Aula del Senato

Un centro che sia centro

Il meeting della Leopolda organizzato dall’ex premier Renzi, è stato tutto rivolto al messaggio da...