VENERDÌ 22 GIUGNO 2018, 00:02, IN TERRIS

Perché la cannabis non può essere "light"

MASSIMO BARRA
Una pianta di marijuana
Una pianta di marijuana
A

ccostare il termine "cannabis" a "light" significa lanciare un messaggio sbagliato che, nel tempo, porterà a sottovalutare la marijuana. Nel lungo periodo si finirà, infatti, con l'associare queste due parole e la cannabis in sé verrà percepita come qualcosa di leggero, di non grave. Questo ci svela una triste realtà: viviamo in un Paese confuso, malfunzionante, nel quale prevale l'ignoranza. Un sistema caotico in cui anche il consumo di droga gioca la sua parte. Dietro ci sono, ovviamente, anche ragioni di business. Chi vende queste sostanze ha l'obiettivo di farle passare per quelle che non sono, cercando di restituire loro una sorta di verginità

La cannabis light probabilmente non avrà gli stessi effetti psicotropi del suo equivalente illegale. Ma anche un piccolo effetto viene mediato dal cervello, altrimenti non sorgerebbe il bisogno di consumarla. Se c'è questa esigenza significa che in qualche modo il sistema nervoso si è modificato. Non esistono mezze misure. Una sostanza o 'fa o non fa', se non fa non la si utilizzerebbe. Questo sotto l'aspetto chimico. Per quanto riguarda quello più strettamente sociologico sembra evidente l'esistenza di una vera e propria campagna di marketing sul fenomeno marijuana.

Dobbiamo però tenere presente un'altra cosa: al cervello umano non interessa se una sostanza è legale o meno. Il sistema nervoso è, infatti, la parte più differenziata e quindi, anche più delicata, del nostro organismo. Le droghe sono brutte bestie che hanno effetti imprevedibili anche alla lunga. Lo vediamo suoi nostri ex tossicomani che muoiono prima dei loro coetanei, per una leucemia, per un tumore, e così via... Forse non esiste un rapporto di causalità fra le due cose, ma di certo quella dei drogati è una vita sregolata. Gli stupefacenti portano a una fragilità del soggetto che permane anche dopo un'eventuale percorso di recupero. Non solo: il consumo è spesso accompagnato da malattie come l'epatite, un virus che gira nel corpo di chi ne è affetto, arrivando a colpire non solo il fegato ma tutti gli organi e gli apparati. Per questo è importante trattare tutte le droghe con grande circospezione.

Difficile dire come possa agire lo Stato in questo scenario. Per un Paese la priorità dovrebbe essere il mantenimento della salute. Esiste il timore che le battaglie contro le droghe siano destinate a essere perse. Va tuttavia sottolineato un punto: la criminalizzazione della cannabis ha avuto, purtroppo, un risvolto negativo, ha provocato un fenomeno di rebound. La reazione a politiche percepite come eccessivamente repressive porta oggi tante persone in Italia a considerare la marijuana come un ricostituente. 

prof. Massimo Barra - Fondatore della comunità di recupero Villa Maraini ed esponente di spicco della Croce Rossa Italiana e Internazionale

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Liam e Noel Gallagher
NOSTALGIA '90

Ritornano gli Oasis?

Liam Gallagher chiede al fratello di rimettere insieme la band iconica degli anni '90
Stabilimento Ilva
ILVA

Anac dà ragione a Di Maio ed Emiliano

L'Autorità guidata da Cantone conferma le criticità sulla gara per l'acciaieria vinta da Mittal
PIACENZA

Barista stuprata per ore: fermato un uomo

Salvini: "Per i colpevoli di questi reati zero sconti e pena certa"
Polizia tedesca
GERMANIA

Assalto con coltello sul bus: un morto e diversi feriti

Il fatto a Lubecca, nord-est del Paese. Arrestato l'autore del gesto violento
Giuseppe Conte e Giovanni Tria
PALAZZO CHIGI

Trovata l'intesa sui vertici Cdp

L'accordo sarebbe stato raggiunto al termine di una riunione fra Conte, Di Maio, Tria e Giorgetti. L'ad sarà...
Yonghong Li
MILANO

Yonghong Li indagato per falso in bilancio

L'imprenditore aveva acquistato il Milan per 740 milioni. Il Fondo Elliott convince il Tas: rossoneri in Europa
STATI UNITI

Affonda barca da turismo: almeno 11 morti

L'incidente si è verificato nel Table Rock Lake
Paolo Savona
USURA BANCARIA

Indagato Savona, "atto dovuto"

Indagine sul ministro per gli Affari Europei a Campobasso
Matteo Salvini
GEOPOLITICA

Salvini: "La Crimea? Storicamente della Russia"

Il vicepremier al Washington Post: "Soldi da Putin? Fake News". E poi torna su immigrazione ed Euro
Jean Claude Juncker
MIGRANTI

Ecco cosa risponde Juncker a Conte

Per il presidente della Commisione Ue le "soluzioni ad hoc" non sono "un modo di procedere sostenibile"