VENERDÌ 08 NOVEMBRE 2019, 00:02, IN TERRIS

Il piccolo Giovannino è uno di noi

MASSIMO GANDOLFINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L

a storia di Giovannino non può non commuovere, toccando le corde più profonde dell’animo di chiunque, indipendentemente da appartenenze morali o religiose, e ci dà l’opportunità di esprimere qualche considerazione che ci aiuti a ritrovare la via della virtù iscritta nei nostri cuori. Una premessa è doverosa: non è compito nostro giudicare le persone e, quindi, anche gli attori di questa vicenda. Va ripetuto senza stancarsi mai: per noi cristiani il giudizio sulle persone spetta solo ed esclusivamente a Dio, unico vero e giusto Giudice. A noi è assegnato un altro compito: giudicare i fatti, le azioni, le condotte, esercitando la virtù del discernimento nel sostegno di ciò che è buono e giusto e nella condanna di ciò che è sbagliato, pericoloso e dannoso.

Questa coppia che, con fecondazione eterologa, ha messo al mondo un bimbo affetto da una grave malattia sistemica chiamata “ittiosi arcobaleno”, causa spesso di morte e/o di gravi disabilità, e che per questa ragione l’ha rifiutato ed abbandonato, non deve essere chiamata in giudizio da noi. Ma il fatto in sé, con i tanti aspetti che sono coinvolti, richiede certamente qualche riflessione, con la speranza che dal male si trovi la forza di cambiare rotta, approdando al bene.

Il primo giudizio negativo riguarda tutto ciò che gira intorno alla pratica della fecondazione artificiale. Partiamo dall’assunto fondamentale: il diritto al figlio non esiste e non esiste per nessuno, coppia etero o omosessuale che sia. Il ricorso all’ eterologa – comprando e selezionando gameti che provengono da un terzo attore – viene ancor più a ferire il dato naturale, che ha stabilito che è dall’atto di complementarietà sessuale uomo/donna che scaturisce il “miracolo” della vita. E’ un atto di amore l’unione dei corpi con l’intento di dare la vita; ma è altrettanto un atto di amore accettare di non poter avere figli, magari spendendosi in opere di bene sociale. Ed è un atto d’amore adottare dei bimbi che sono abbandonati che hanno il diritto (questo sì!) ad avere una famiglia.

Prescindendo dal sentimento personale – insondabile per sua natura – non è un atto di amore volere un figlio a tutti i costi: selezionando i gameti, eliminando gli embrioni imperfetti (viene chiamata tecnica di “diagnosi genetica pre-impianto”), comprando uteri disponibili. Non tutto ciò che è tecnicamente possibile è per ciò stesso umanamente e moralmente accettabile. L’embrione, il feto, il bimbo non sono “cose”, “manufatti”, “scarti”, oggetti che possono essere gettati via se “riusciti male” o manipolati a piacimento. La storia di Giovannino sta lì come un macigno a dimostrare a tutti noi – e pare proprio che ce ne sia un bisogno enorme – quale tragica deriva si delinea con il delirio di onnipotenza che la cultura dell’individualismo sfrenato sta imponendo nella nostra società. Una volta di chiamava “eugenetica”. Oggi il politicamente corretto la chiama “autodeterminazione”. La sostanza è sempre la stessa: la cultura dello scarto e dell’arbitrio morale, che Papa Francesco non cessa mai di condannare.   

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Area archeologica del Tempio di Apollo Aleo, a Crotone
CROTONE

Maxi retata contro i "tombaroli": 23 arresti e 80 indagati

Recuperati numerosi reperti archeologici per un valore di diversi milioni di euro
Forma di Parmigiano Reggiano
DAZI USA

Vendite in calo del 20% per il Made in Italy

Lo denuncia Coldiretti: "E' sempre più urgente l’attivazione di aiuti compensativi"
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...
Emergenze a Venezia, Roma e Firenze
MALTEMPO

Da Venezia a Roma: piene, pioggia e vento sull'Italia

Acqua alta a 150 cm nella Serenissima, ora in discesa. A Firenze rischio piena dell'Arno, disagi a Roma e in Alto Adige

La luce di Carlotta

Mi ha colpito molto la descrizione della chiamata di Levi, della chiamata di Zaccheo, fatta da padre Marko...
Militari cinesi a Hong Kong
ASIA

Hong Kong, Pechino schiera i militari

I soldati cinesi hanno aiutato a ripulire le strade della città dai rifiuti lasciati al termine delle proteste
Sabato e domenica forti piogge
METEOROLOGIA

Allerta rossa in 3 Regioni: domani pioggia e freddo

La Protezione Civile ha diramato l'allerta arancione in altre 8 Regioni e quella gialla sulle restanti
I soccorsi
MILANO

Maxi rissa davanti al McDonald: 30 ragazzi coinvolti

Fermati tre giovani di nazionalità tunisina: un 18enne e due minorenni
MALTEMPO

Non c'è pace per Venezia, nuova allerta per domani

In arrivo 20 milioni di euro per il primo ristoro dei danni
Un momento dell'udienza alla Comunità dell'Ospedale Bambino Gesù - ©Vatican Media
VATICANO

"Il Bambin Gesù continui ad essere una straordinaria opera di carità della Chiesa"

Per i 150 anni della fondazione, il Pontefice ha ricevuto in udienza la comunità dell'Ospedale Pediatrico Bambino...