Turisti cadono nel lago di Braies, bimbo di sette mesi in ospedale

Sette adulti e il piccolo camminavano sulla superficie ghiacciata resa fragile dalle temperature miti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:21

Sette adulti e un bambino di sette mesi, che è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Innsbruck, tutti turisti di nazionalità italiana, sono caduti nelle acque del lago di Braies, in Alto Adige, mentre camminavano sulla superficie ghiacciata resa fragile dalle temperature in aumento degli ultimi giorni. Anche altra persona è ricoverata all’ospedale di Innsbruck, mentre gli altri sei si trovano in tre strutture dell’Alto Adige.

Cos’è successo

La prima a cadere in acqua – secondo le prime informazioni – sarebbe stata la famiglia con il piccolo di 7 mesi e successivamente le altre persone, intervenute per tentare di dare i soccorsi. In una concitata operazione di salvataggio i servizi di emergenza intervenuti tempestivamente sono poi riusciti a salvare tutte le persone, che sono in condizioni di forte ipotermia.

Gli altri incidenti

Si tratta del terzo, e più grave, incidente in due giorni sul lago di Braies: nella giornata di Pasqua i vigili del fuoco sono dovuti intervenire due volte per salvare alcune persone cadute in acqua mentre passeggiavano sulla superficie ghiacciata. Nel primo caso a finire in acqua è stata una donna milanese che stava passeggiando con il cane, seguita dal marito 60enne e dalla figlia 30enne, caduti anche loro per cercare di aiutarla. Tutti e tre sono stati recuperati e portati all’ospedale di San Candido con ferite leggere e un principio di ipotermia. Altro intervento per tre giovani turisti di Udine hanno sfondato il ghiaccio sulla sponda occidentale e sono stati salvati da alcuni passanti, rifiutando poi il ricovero in ospedale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.