Spara a madre di due figli e si impicca: omicidio-suicidio a Villa Castelli

Omicidio-suicidio a Villa Castelli, in provincia di Brindisi. La vittima, Giuseppina Fumarola, è stata uccisa con colpi di arma da fuoco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:48

Omicidio-suicidio a Villa Castelli, in provincia di Brindisi. Una donna del posto, Giuseppina Fumarola, è stata uccisa con colpi di arma da fuoco da un uomo, V.S. che, subito dopo, si sarebbe tolto la vita, impiccandosi, all’interno della propria abitazione in via Volta, distante pochi metri dall’omicidio. La donna aveva due figli nati da una precedente relazione con un altro uomo.

Omicidio-suicidio a Villa Castelli

I fatti – scrive AntennaSud – sarebbero avvenuti stamani intorno alle 7:00. La donna, 47enne, si era recata sul posto di lavoro, un’azienda tessile di via Galileo Galilei, quando sarebbe stata raggiunta dall’uomo che l’ha uccisa sparandole. Sul luogo dell’omicidio, a pochi metri dall’ingresso dell’azienda tessile dove lavorava la vittima, sono intervenuti i carabinieri e la polizia locale di Villa Castelli.

Quaranta femminicidi nel 2022

Giuseppina è la quarantesima donna assassinata in Italia da inizio anno, secondo il report di FemminicidioItalia.info. L’ultimo caso ha riguardato l’omicidio di Alessandra Matteuzzi, 56 anni, uccisa a bastonate nel corso della serata del 23 agosto 2022 alla periferia di Bologna. A compiere l’omicidio è stato l’ex compagno della vittima, Giovanni Padovani, 27 anni.‍

Il giovane era già stato denunciato per stalking dalla stessa cinquantaseienne. In Procura era stato aperto un fascicolo con le indagini affidate ai Carabinieri.‍ Nei confronti del ventisettenne non risultava in vigore alcun provvedimento restrittivo, nonostante alcune fonti giornalistiche avessero riferito dell’emissione di un divieto di avvicinamento.‍

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.