Napoli: trovato cadavere carbonizzato in auto incendiata ad Acerra

I militari dell'Arma hanno rinvenuto oggi un cadavere carbonizzato in un'automobile data alle fiamme ad Acerra, nel Napoletano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:31

Drammatica scoperta dei carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna. I militari dell’Arma hanno rinvenuto oggi un cadavere carbonizzato in un’automobile data alle fiamme ad Acerra, nel Napoletano.

Cadavere misterioso

Intorno alla mezzanotte i carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna sono intervenuti in località Ponte dei Cani ad Acerra dove era stato segnalato l’incendio di un’automobile, una Fiat 600. Quando i militari sono giunti sul posto, però, il rogo era già estinto: a bordo dell’automobile, riporta FanPage, c’era un cadavere carbonizzato.

Sul posto il magistrato di turno, che ha disposto l’autopsia sul cadavere, che consentirà agli inquirenti di identificarlo e di chiarire le circostanze esatte della morte: le indagini sono affidate ai carabinieri della compagnia e del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna.

Il precedente

Solo pochi giorni fa, c’è stato un precedente. Un uomo è morto carbonizzato a Grumo Nevano, sempre nella provincia di Napoli, lo scorso 1° marzo. Emilio Parisi – questo il nome della vittima – 48 anni, si trovava sulla sua automobile, a bordo della quale stava trasportando una bombola di gas, quando la vettura è esplosa improvvisamente, forse proprio a causa di una fuga di gas, venendo immediatamente avvolta dalle fiamme.

Sul posto i vigili del fuoco, che hanno rapidamente domato le fiamme, ma per Nevano non c’era più nulla da fare: era morto sul colpo. Giunti anche i carabinieri della compagnia di Giugliano, a cui sono state affidate le indagini per ricostruire con precisione quanto accaduto al 48enne.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.