Crollano 4 case in India: decine di morti

Un'esplosione di proporzioni gigantesche ha causato la notte scorsa il crollo di quattro edifici a Bhagalpur, nello Stato indiano del Bihar

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:10
Le macerie dopo l'esplosione a Bhagalpur

Un’esplosione di proporzioni gigantesche ha causato la notte scorsa il crollo di quattro edifici a Bhagalpur, nello Stato indiano del Bihar. Almeno 11 persone sono morte, e un numero ancora non definito di feriti, sembrerebbe sedici dalle ultime informazioni. Il numero delle vittime sale di ora in ora. I corpi finora recuperati sono gravemente sfigurati e l’amministrazione deve ancora confermare le identità dei defunti.

La testimonianza

Scrive ThePrintIndia.com: “Almeno 10 persone sono morte e altre nove hanno subito gravi ferite in una massiccia esplosione avvenuta all’interno di una casa, dove si diceva che gli abitanti fossero coinvolti in affari illegali di petardi, come detto da un funzionario questa mattina. venerdì 4 marzo”.

“Il magistrato distrettuale di Bhagalpur Subrat Kumar Sen ha affermato che l’esplosione è avvenuta all’interno della casa di Mahendra Mandal nella località di Kajbalichak nelle prime ore del mattino”.

La casa di Mandal oltre a due edifici adiacenti è stata ridotta in macerie dall’impatto dell’esplosione, il cui suono è stato udito in lungo e in largo, ha detto il DM, aggiungendo che sono state introdotte attrezzature per movimento terra per ripulire i detriti. Squadre di smaltimento bombe ed esperti forensi stavano raccogliendo campioni per accertare il tipo di materiale che ha causato l’esplosione”, conclude il quotidiano.

Manifattura illegale di fuochi d’artificio in India

Le città di Bhagalpur e Munger sono note per la manifattura illegale di fuochi d’artificio e bombe. Incidenti analoghi, causati dalla lavorazione a domicilio degli ordigni si sono già verificati in passato.

Anche il premier indiano Nerendra Modi ha ostato su Twitter un messaggio di condoglianze per le famiglie delle vittime. L’esplosione è stata così forte che secondo alcune testimonianze, è stata avvertita fino a 15 chilometri di distanza.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.