Leini: incendio devasta 13mila metri quadri di un capannone nel Torinese

Un grosso incendio è divampato nella notte in un capannone a Leini: bruciate grandi quantità di materiale plastico alla Recicling Sas

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:22

Un incendio è divampato nella notte in un capannone di via Manfredi Muzio a Leini (Torino). Numerose squadre dei vigili del fuoco sono al lavoro. Il rogo ha interessato un’area di circa 13mila metri quadrati, all’interno dei quali sono presenti una ditta per il rimessaggio dei caravan e un’altra di lavorazione plastica. Grandi quantità di materiale plastico sono bruciate all’esterno del fabbricato che in parte è collassato.

Sul posto – riporta Repubblica – sono giunti almeno 50 uomini dei vigili del fuoco, tra le squadre 21 e 61 da Torino e  volontari di Caselle, San Maurizio, Santena e Volpiano. I vigili del fuoco hanno creato un cordone per cercare di impedire alle fiamme di raggiungere una seconda struttura che serve come deposto di camper. L’incendio ha comunque interessato un’area di 13mila metri quadrati.

In fumo la Recicling Sas

La squadra Gos, il gruppo operativo speciale, è al lavoro per rimuovere le parti pericolanti della struttura crollata e mettere la zona in sicurezza. Il nucleo Nbcr si sta occupando di valutare i possibili danni causati dalla combustione dei materiali plastici. Anche l’Arpa farà dei rilievi per valutare la natura delle sostanze disperse nell’aria durante l’incendio. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Venaria.

L’azienda coinvolta dal rogo è la Recicling Sas. Il proprietario, 53 anni, è lo stesso che gestisce anche il deposito di camper scampato al rogo grazie al lavoro dei vigili del fuoco. Non sono ancora state accertate le cause del rogo ma non si esclude alcuna ipotesi, nemmeno quella dolosa.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.