Incidente stradale a Villotta di Chions: muoiono due mamme, ferite due bimbe

Nello scontro sono rimaste ferite due bambine: una bimba di pochi mesi e la sorellina appena più grande. La piccola è grave

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:17

Terribile incidente lungo l’A28, a Villotta di Chions (Pordenone). Due giovani donne residenti a Mareno di Piave e Conegliano (Treviso), sono morte nella tarda serata di ieri nel tamponamento della loro auto, una Fiat Panda con un Suv, un Land Rover Defender.

Le vittime sono Jessica Fragasso, 20 anni di Mareno di Piave, e Sara Rizzotto, 26 anni di Conegliano; le ragazze erano cugine. Dopo aver provocato l’incidente, il fuoristrada si è ribaltato. Il conducente è uscito indenne dall’auto ed è scappato nei campi, ma è stato individuato alcune ore dopo dalle forze dell’ordine.

La dinamica dell’incidente

L’auto delle vittime è stata violentemente urtata da un grosso fuoristrada che precedeva ad alta velocità, così distruggendola. Il Suv invece si è ribaltato. Nello scontro, oltre alle due donne morte, sono rimaste ferite due bambine, le figlie di una delle vittime, che viaggiavano nella stessa Panda sul sedile posteriore: una bimba di pochi mesi e la sorellina appena più grande.

Sono state ricoverate all’ospedale di Udine. La più piccola è grave ed è in prognosi riservata. Nell’incidente è stata coinvolta anche una terza auto la cui conducente, sotto choc, è stata la prima a lanciare l’allarme. L’autostrada in direzione di Conegliano è rimasta chiusa per alcune ore.

Arrestato il conducente del Suv

Il conducente del suv ha tentato la fuga subito dopo l’incidente mortale, ma è stato individuato e arrestato. Si tratterebbe di un cittadino bulgaro, residente a Pordenone. L’uomo è ora accusato di omicidio stradale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.