VENERDÌ 15 SETTEMBRE 2017, 18:28, IN TERRIS

Spagna: giro di vite del governo spagnolo contro la Catalogna, bloccate le finanze

Ultimatum a Puigdemont: 48 ore per per rinunciare alla parte non obbligatoria della spesa pubblica o tutto sarà gestito da Madrid

REDAZIONE
Spagna: giro di vite del governo spagnolo contro la Catalogna, bloccate le finanze
Spagna: giro di vite del governo spagnolo contro la Catalogna, bloccate le finanze
Nuovo giro di vite del governo centrale spagnolo contro la Catalogna, in vista del referendum sull'indipendenza, previsto per il primo ottobre. Madrid ha deciso la prima misura di limitazione dei poteri di Barcellona, prendendo il controllo della sua spesa pubblica.

Il ministro delle finanze spagnolo Cristobal Montoro ha annunciato dopo una riunione del governo del premier Mariano Rajoy di avere dato 48 ore al presidente catalano Carles Puigdemont per rinunciare alla parte non obbligatoria della spesa pubblica, cioè tutto ciò che non è il pagamento dei funzionari. Altrimenti Madrid prenderà il controllo di tutta la spesa catalana per fare sì che "nemmeno un euro" possa servire all'organizzazione del referendum "illegale". In qualsiasi caso le finanze catalane saranno sotto il controllo dello Stato spagnolo.

La decisione di Madrid interviene all'indomani della grande festa dell'avvio della campagna ufficiale per il referendum a Tarragona, con il presidente Puigdemont e il vicepresidente Oriol Junqueras, davanti a 10 mila entusiasti della futura "Repubblica". E dell'annuncio del sindaco Ada Colau che anche nella capitale Barcellona il primo ottobre si potrà votare, nonostante le minacce e i moniti di Madrid. Puigdemont ha aperto la festa di Tarragona salutando i "querellados e querelladas", gli "Indagati e indagate", che lo circondavano. La procura spagnola lo ha già denunciato, con tutti i suoi ministri, la presidente del "Parlament" Carme Forcadell, l'ufficio di presidenza, 712 sindaci e i presidenti delle loro due associazioni.

Ma nonostante denunce, intimidazioni e minacce di arresto la Catalogna va avanti, in aperta disobbedienza allo Stato spagnolo. "Qualcuno crede che il primo ottobre non voteremo? Che tipo di gente credono che siamo noi catalani! In Catalogna siamo per la democrazia!" ha tuonato il "President".

La pressione della Spagna si fa però ogni giorno più forte. La Guardia Civil è intervenuta per la prima volta per impedire un comizio, della leader della sinistra indipendentista Anna Gabriel. Mancano 15 giorni, e la corsa verso il referendum non rallenta, anzi. Il prossimo passo nella spirale della tensione di Madrid potrebbe essere il ricorso agli arresti. E alla sospensione dell'autonomia catalana e di Puigdemont con l'art.155 della Costituzione. "Non escludiamo nulla" ha avvertito oggi il portavoce del governo di Madrid Inigo Mendez de Vigo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Napoli
CHAMPIONS LEAGUE

Il Napoli spera: 3-0 allo Shakhtar

Tris degli azzurri agli ucraini con Insigne, Zielinski e Mertens. Ottavi ancora possibili
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Attacco in Nigeria (repertorio)
NIGERIA

Baby kamikaze in moschea: 50 morti

Il giovane si è fatto esplodere durante le preghiere del mattino. Sospetti su Boko Haram
Papa Francesco e il cardinale Parolin
SANTA SEDE

Nasce una nuova sezione della Segreteria di Stato

Avrà competenza su quanti lavorano nelle sedi diplomatiche pontificie
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza