GIOVEDÌ 03 GENNAIO 2019, 12:17, IN TERRIS


RIAD

Omicidio Khashoggi, chieste 5 condanne a morte

Al via il processo a 11 sospettati per l'assassinio del giornalista avvenuto nel consolato saudita di Istanbul

REDAZIONE
Jamal Khashoggi
Jamal Khashoggi
S

i è aperta oggi a Riad la prima udienza del processo agli 11 imputati per l'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, ucciso lo scorso 2 ottobre 2018 nei locali del consolato dell'Arabia Saudita ad Istanbul. Saud al Mojeb, procuratore generale del regno, ha chiesto oggi la pena di morte per cinque degli undici sospettati.


L'omicidio

A quanto si apprende, la procura generale saudita avrebbero richiesto alla Turchia di fornire alcune prove relativea all'omicidio, ma senza avere alcuna risposta. Khashoggi si era recato nel consolato saudita per ritirare i documenti necessari al fine di sposare la sua fidanzata di nazionalità turca. Il giornalista non sapeva però che stava andando incontro alla sua morte: nei locali lo aspettavano, infatti, 15 persone arrivate appositamente da Riad per ucciderlo e nascondere il suo corpo.  L'omicidio ha creato tensioni tra l'Arabia Saudita e la Turchia: il presidente Erdogan ha ordinato indagini serrate mentre le autorità di Riad, dal canto loro, travolte dalle polemiche internazionali hanno ordinato l'arresto di diciotto persone, senza fornire informazioni più specifiche.


La censura di Netflix

Il clamore internazionale legato al delitto ha avuto anche delle ripercussioni recenti. In una puntata dello show “Patriot Act”, l'artista Hasan Minhaj ha espresso delle critiche al regno saudita in merito al caso Khashoggi. Di fronte alle proteste di Riad, però, il colosso statunitense Netfix - produttore del format - ha deciso di rimuovere i riferimenti all'omicidio del giornalista e le frecciate all'Arabia Saudita. Per chi volesse vedere la puntata senza censure, però, è ancora possibile farlo su Youtube


Le indagini turche

Ad inizio dicembre, la procura generale di Istanbul aveva invece emesso due ordini di arresto nei confronti di due funzionari del consolato saudita sospettati di essere gli autori del delitto del giornalista. Il principe saudita Mohammed Bin Salman aveva chiesto in occasione del G20 in Argentina di incontrare Erdogan, ricevendo un netto rifiuto dal presidente turco, molto irritato per quanto avvenuto sul territorio del suo Paese.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...