LUNEDÌ 11 MARZO 2019, 12:18, IN TERRIS


VENEZUELA

Morti 80 bambini, ma i medici smentiscono

Nelle ultime ore la smentita del presidente del Collegio di medici dello Stato di Zulia

CAROLINA GARCIA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
A

lle prime luci dell'alba la tragica notizia: il senatore repubblicano Marco Rubio, con un tweet, annuncia che ottanta bambini ricoverati nel reparto neonatale dell'ospedale universitario di Maracaibo, nello stato di Zulia, erano deceduti a causa del blackout. Poche ore dopo la smentita. Daniela Parra, presidente del Collegio dei medici dello stato di Zulia, ha smentito che siano morte 296 persone, fra le quali un'ottantina di neonati, nell'ospedale di Maracaibo. Inoltre, secondo José Manuel Oliveras, deputato oppositore e medico, finora saarebbero decedute 21 persone in varie regioni del Paese. Il numero dei neonati non è noto. 


Il tweet del senatore Rubio

"Secondo alcune informazioni, sono almeno 80 i morti nel reparto neonatale dell'ospedale universitario di Maracaibo, Zulia, da quando è iniziato il blackout". Il senatore, inoltre nel tweet, aveva aggiunto che "se ingenti aiuti non saranno consegnati presto, il timore è quello che ci sarà una catastrofe senza precedenti". 


Il blackout

Il blackout che sta mettendo in ginocchio il Venezuela è iniziato giovedì scorso. Sedici stati sono completamente al buio, mentre gli altri sei hanno solo parzialmente l'energia elettrica. La totale assenza di elettricità è costato finora al settore privato, in un paese già economicamente in ginocchio, 400 milioni di dollari. Una situazione insostenibile che non sembra però preoccupare Maduro e i suoi, che continuano a postare tweet rassicuranti, pur correndo ai ripari.


Le rassicurazioni di Maduro

"Il governo bolivariano ha deciso di sospendere le lezioni e le attività lavorative lunedì 11 marzo - ha scritto il ministro della Comunicazione Jorge Rodriguez - per sconfiggere, con la forza della verità e della vita il brutale attacco terroristico contro il popolo. Insieme vinceremo". E poco dopo ha twittato Maduro, postando un video che lo riprende tranquillo e sicuro di sé mentre dà indicazioni ai governatori e li invita a mantenere la calma. "Continuiamo a lavorare per recuperare il sistema elettrico nazionale", scrive, assicurando che "la macabra strategia di portarci ad uno scontro fallirà. Vinceremo!".

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore