DOMENICA 01 DICEMBRE 2019, 18:20, IN TERRIS

MALTA

Caso Caruana, in migliaia in piazza contro Muscat

I lab confermano la fiducia al premier, che ha annunciato le dimissioni il prossimo 18 gennaio. I maltesi premono per l'addio immediato

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un'immagine di Daphne Caruana Galizia
Un'immagine di Daphne Caruana Galizia
E'

un'onda dirompente il caso Caruana Galizia, che dopo aver colpito alcuni rappresentanti istituzionali, ha iniziato a investire direttamente l'ufficio più alto del governo. Il premier Joseph Muscat ha già fatto sapere che si dimetterà a breve, il 18 gennaio, teoricamente una data simbolo che segnerà il passo indietro definitivo del primo ministro dopo l'esplosione dal raggio sempre maggiore del caso legato all'omicidio della giornalista, avvenuto il 16 ottobre 2017. L'opinione della famiglia della reporter, però, ha chiesto al premier di accelerare i tempi, ritenendo che la data posta per le sue dimissioni vada anticipata all'immediato: "Ora noi ci aspettiamo che il primo ministro lasci l'ufficio e il Parlamento con effetto immediato per permettere una libera e piena indagine sull'assassinio di Daphne", ha detto la sorella di Caruana, Corinne Vella, subito dopo l'incriminazione del miliardario Yorgen Fenech, ritenuto il possibile mandante del suo omicidio.


L'indagine

Le dimissioni del premier Muscat sono state al centro anche del vertice d'urgenza del partito laburista, convocato a Girgenti dalla dirigenza per decidere il destino politico del primo ministro. Una riunione decisamente movimentata, con molti esponenti di partito a fare i conti con gli effetti delle indagini, dicendosi "scioccati e increduli" per quanto appreso nel corso del confronto con il Procuratore generale ed il Capo della polizia, al termine del quale avrebbero chiesto un supplemento di indagine nei confronti di Keith Schembri, il cui nome emerse già all'epoca dell'inchiesa di Caruana. Schembri avrebbe intrattenuto un accordo proprio con Fenech, allo scopo di incastrare il ministro dell'Economia Chris Cardona attraverso una lettera che sarebbe stata vergata dallo stesso Schembri. Una branca dell'inchiesta sulla quale gli inquirenti starebbero concentrando la loro attenzione, mentre il primo passo ufficiale è stato compiuto nella giornata di ieri con l'incriminazione di Yorgen Fenech, già interrogato diverse volte dopo il suo fermo del 20 novembre e, a mani giunte, dichiaratosi innocente durante la seduta in aula. Il vertice lab ha confermato la fiducia al premier, perlomeno fino al giorno delle dimissioni. Una decisione che non ha incontrato il gradimento dei maltesi, scesi in piazza a migliaia per manifestare contro Muscat chiedendone le dimissioni immediate.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La bandiera italiana sventola sul Palazzo del Quirinale, 30 maggio 2018 - Foto © Tony Gentile per Reuters

Italia senza previsioni

Il rapporto del CENSIS, la Fondazione presieduta dal sociologo cattolico Giuseppe De Rita, ha messo, come di consueto,...
Giuseppe Conte e Roberto Gualtieri
GOVERNO

Manovra, accordo su plastic e sugar tax

Una rinviata a luglio e ridotta dell'85%, l'altra a ottobre. Il premier: "Recessione scongiurata, non siamo il...
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica
La polizia circonda il furgone Ups dopo l'inseguimento
FLORIDA

La rapina finisce in tragedia: 4 morti a Miami

I banditi fermati dopo un lungo inseguimento: due "vittime collaterali" e una donna ferita alla testa
Un bambino migrante
MIGRANTI

Quasi 6500 minori non accompagnati vivono in centri d’accoglienza

Unicef: "Altri 5000 giovani migranti e rifugiati arrivati nel nostro Paese soli sono irreperibili"

Sondaggio che va, sondaggio che viene

Abbiamo sottolineato più volte che la politica ormai è scandita da sondaggi. Bene che vada settimanali....
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato