MARTEDÌ 21 MAGGIO 2019, 00:30, IN TERRIS


CAOS POLITICO

Austria, il governo adesso trema

Dimissioni in blocco dei ministri Fpoe, Kurz li rimpiazza coi tecnici e si gioca tutto sul voto di sfiducia

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Sebastian Kurz
Sebastian Kurz
V

ento di burrasca nel governo austriaco presieduto dal giovane cancelliere Sebastian Kurz, tutto sull'onda lunga del caso che ha investito Heinz-Christian Strache e che, al momento, sta provocando una sorta di effetto domino sull'esecutivo: dopo l'addop dell'ormai ex vicecancelliere e la destituzione del ministro dell'Interno Herbert Kickl, tutti i ministri del partito Fpoe, assieme al quale era riuscito a costruire la coalizione governativa, hanno presentato in blocco le loro dimissioni. Una mossa che, in un certo senso, Kurz si aspettava e che sembra non averlo trovato impreparato dal momento che, al loro posto, sono già pronti per subentrare altrettanti tecnici. Il cancelliere si è detto sicuro che, al momento, ciò che serve al suo Paese sia "una completa trasparenza e una chiarificazione totale e indipendente". Sempre in quest'ottica, ha spiegato le motivazioni dell'allontanamento di Kickl, destituito perché responsabile delle Finanze del Fpoe nel 2017, ovvero all'epoca della registrazione del video compromettente che mostra Strache nell'atto di conversare con la sedicente nipote di un oligarca russo, in realtà un'esca per far emeregere i contatti con la Russia del leader sovranista.


Situazione al limite

La bomba scoppiata per il caso Strache ha portato, come prevedibile (e infatti previsto), alla convocazione di elezioni anticipate, le quali si svolgeranno a settembre in un clima che, fatti alla mano, potrebbe non essere lo stesso di due anni fa. Al momento, infatti, la situazione per la cancelleria del leader dell'Ovp si è fatta decisamente complicata, da un lato perché è quasi certo che non supererebbe lo scoglio di un voto di fiducia, dall'altro perché anche all'esame del voto, senza il supporto del Fpoe (ormai praticamente nullo), il Partito popolare rischia di non bissare il successo. Kickl, appena destituito, è stato chiaro: "E' una questione di buon senso che per noi sarà difficile dichiarare la nostra fiducia in chi ha appena detto di non aver fiducia in noi". Il che, in sostanza, significa che da parte loro la questione si chiude qui. D'altronde, l'addio di massa Kurz se lo aspettava e i tecnici per trascinare il governo fino a settembre li aveva, a quanto pare, già preparati.


Verso la sfiducia?

Al momento, comunque, Kurz non sembra voler lasciare le redini del Paese, nonostante il pressing dell'opposizione dei socialdemocratici si sia fatta ormai pressante. Anzi, secondo la leader Pamela Rendi-Wagner si tratterebbe "dell'unica soluzione buona e sostenibile", piuttosto che il tirare a campare fino a un voto che, secondo Spo, è già sicuro che sarà sfavorevole. Intanto, il voto di sfiducia è già stato chiesto e porta la firma di Jetz, partito della sinistra austriaca. Quindi, tutto si giocherà sul filo: restare a galla e, in caso, sperare di calmare le acque per ritentare a settembre, oppure farsi da parte. Per Kurz deciderà il voto del parlamento.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
CAOS POLITICO

Austria, Strache si è dimesso

Bufera sul vicecancelliere, ripreso in un video che mostra relazioni dell'ultradestra con la Russia

Heinz-Christian Strache
Si spacca il fronte governativo in Austria, dove il cancelliere Sebastian Kurz ha escluso ulteriori collaborazioni con il suo vice Heinz-Christian...
NEWS
Carabinieri
MONDRAGONE

Pirata della strada investe una bambina: ricoverata in condizioni gravissime

L’uomo, che aveva assunto cocaina, è ai domiciliari accusato di omicidio stradale
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Alcuni dei migranti tratti in salvo
AGRIGENTO

Porto Empedocle: 20 migranti salvati in mare

Tragedia sfiorata: tra le persone tratte in salvo, anche una donna incinta
Cristiano Ronaldo
CAMPIONATO DI CALCIO

Riparte la Seria A con Parma-Juventus

Da quest'anno regole più severe sui falli di mano e cartellini per gli allenatori
Protesta dei navigator in Campania
REDDITO DI CITTADINANZA

Sciopero della fame dei navigator

In Campania braccio di ferro tra i vincitori del concorso e il governatore
Aula scolastica
ISTRUZIONE

In classe per diventare buoni cittadini

Il 5 settembre l’educazione civica torna ad essere materia obbligatoria. Cosa cambia per la scuola
Scontri a Hong Kong
ASIA

Guerriglia urbana a Hong Kong: 1 ferito

Nuovo lancio di molotov e cariche della polizia sui manifestanti
Religioni per la pace
ECUMENISMO

Sostenere la campagna per l’abolizione delle armi nucleari

La dichiarazione finale della X Assemblea mondiale delle religioni per la pace di Lindau