Uno spreco insopportabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Siamo abituati a misurare la ricchezza dal tipo di automobile che si utilizza, dai capi firmati, dagli acquisti elettronici. E con questo parametro dividiamo il mondo tra ricchi e poveri, spesso pensandoci nella seconda parte della classifica. Ma c’è un altro indicatore di ricchezza, che al tempo stesso è culturale, e che sovverte la classifica mettendo al centro il reale bisogno dell’uomo: il pane quotidiano.

Se ne parla poco, ma più di 8 miliardi di euro di cibo all’anno vengono gettati nella spazzatura solo in Italia. Emerge dal Rapporto 2014 Waste Watcher – Knowledge for Expo presentato da Andrea Segré, presidente di Last Minute Market, e dal presidente di SWG Maurizio Pessato. Dare valore al cibo, ristabilire l’importanza della sua qualità ci potrebbe forse far riscoprire e riapprezzare la nostra identità umana e sociale. Bisogna che tutti si impegnino – a iniziare dalle scuole per passare nelle famiglie – a combattere la perdita di questo valore, più che lo spreco in sé. E’ una lotta che, se vinta, porterà a restituire valore al cibo e alle relazioni. Su questo il rapporto 2014 è chiaro: se gettiamo nella spazzatura una confezione danneggiata lo facciamo perché è diversa. Noi rifiutiamo il diverso. Per migliorare dobbiamo invece lavorare in questa direzione: promuovere le relazioni umane attraverso i beni.

L’ultima analisi realizzata dalla FAO stima gli sprechi alimentari nel mondo in almeno 1,3 miliardi di tonnellate all’anno, pari a circa un terzo della produzione totale di cibo destinato al consumo umano. Limitandosi agli sprechi domestici e utilizzando diverse fonti statistiche nazionali (che non sempre sono del tutto comparabili) risulta che all’anno ogni persona spreca: 110 kg di cibo commestibile negli Stati Uniti, 108 in Italia, 99 in Francia, 82 in Germania e 72 in Svezia. Nei Paesi in via di sviluppo, invece, lo spreco alimentare si verifica soprattutto attraverso le perdite a monte della filiera.

C’è dunque un mondo che getta e un altro che non ha nemmeno la possibilità di raccogliere. E non parliamo solo del Terzo Mondo, ma anche di tutti gli ultimi, gli abbandonati che troviamo agli angoli delle nostre strade, i baraccati con intere famiglie. Questi nuovi poveri di ogni latitudine, emarginati dalla società che rifiuta loro anche un pezzo di pane, sono alla nostra portata. Se solo volessimo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.