Quattro vescovi concelebreranno il pontificale in onore di San Vigilio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:30

Saranno quattro vescovi a concelebrare, martedì 26 giugno, il pontificale in onore di San Vigilio, patrono della città di Trento. Saranno presenti oltre all’arcivescovo Lauro Tisi e all’emerito Luigi Bressan, mons. Guido Zendron, partito per la missione in Brasile nel 1993 e dal 2008 vescovo di Paulo Afonso (stato di Bahia, nel Nord Est), e mons. Giuseppe Filippi, comboniano, dal 2009 vescovo di Kotido, in Uganda. 

La celebrazione di martedì prevede quattro momenti particolari: la statio nella chiesa di Santa Maria, alle 9.30, la processione verso la cattedrale, la messa nel duomo e la benedizione del Pane di San Vigilio, in piazza Duomo. Alla fine della celebrazione in cattedrale, l’arcivescovo Tisi consegnerà ai presenti, a cominciare dalle autorità, la sua nuova Lettera pastorale alla comunità intitolata “Il dodicesimo cammello”, “un inno alla forza generativa del dono e della gratuità”. 

In piazza Duomo, invece, è previsto il cerimoniale che darà il “la” alla Renga, la nuova campana recentemente riposizionata nella torre civica cittadina, dopo il restauro post-incendio della struttura. I suoi rintocchi, verso mezzogiorno, risuoneranno in dialogo con la campana della cattedrale, mentre arcivescovo e sindaco firmeranno una pergamena memoriale che sarà poi collocata nella torre. Seguirà la benedizione, da parte di mons. Tisi, del pane di san Vigilio, donato dall’associazione provinciale panificatori, che sarà distribuito in piazza e in parte consegnato anche a Trentino Solidale come segno di fraternità e condivisione.

Inoltre, sempre martedì 26 giugno, monsignor Zendron e monsignor Filippi celebreranno il 40esimo anniversario della loro ordinazione sacerdotale, avvenuta in cattedrale nel 1978.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.