“Seduced”: l’orrore della setta Nxivm diventa un documentario

Seduced è una serie documentaria, on line su StarzPlay, che racconta l'odissea della giovane India alle prese con la setta Usa Nxivm dalla quale è sta marchiata a fuoco e abusata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

La regia della serie è affidata alla madre dell’attrice-vittima, Catherine Oxenberg. Già famosa per la serie Dynasty. Ex moglie dell’altrettanto celebre attore Casper Van Dian.  Il capo della setta Keith Raniere, riferisce La Stampa, è stato condannato a 120 anni di carcere proprio in questi giorni. “Seduced” è una serie documentaria, on line su StarzPlay, che racconta l’odissea della giovane India alle prese con la setta Usa Nxivm. Dalla quale è sta marchiata a fuoco e abusata.Seduced

Seduced: schiavizzate dal santone

All’interno della setta, le donne erano costrette a diventare schiave al servizio del guru. Le adepte, infatti, dovevano avere rapporti sessuali con lui. E mantenere il silenzio sulle pratiche religiose all’interno del gruppo. Oltre a essere marchiate a fuoco. E a sottoporsi a una dieta ferrea per seguire agli ideali di magrezza di Raniere. Associazione a delinquere e traffico sessuale. Fi questo si dichiara colpevole Allison Mack, ex star di Smallville, per il ruolo svolto all’interno di Nxvim, gruppo di auto aiuto che nascondeva una setta segreta che praticava il culto del sesso.Seduced

“Errata adesione”

L’ex star televisiva, evidenzia Iodonna.it,  si è dichiarata colpevole nel corso del processo. L’attrice ha spiegato che il suo ruolo era quello di reclutare donne nell’organizzazione. E di essere sempre stata “convinta che le intenzioni di Keith Raniere fossero di aiutare le persone, ma ho sbagliato“. Quindi “sono arrivata alla conclusione che mi devo assumere la responsabilità della mia condotta. Ed è per questo che mi dichiaro colpevole. Chiedo scusa alle persone che hanno sofferto per la mia errata adesione all’insegnamento di Keith Reniere”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.