Quando in Parlamento si invoca l’esorcista

Spunta anche un'invocazione a far ricorso all'esorcista nella bufera sulle dichiarazioni del presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra sulla defunta presidente della Regione Calabria, Jole Santelli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Esorcista

Invocato l’esorcista a Montecitorio nello scontro tra maggioranza e opposizione. ”Le parole di Nicola Morra contro la compianta Jole Santelli e insultanti nei confronti di tutti i malati oncologici fanno orrore e lasciano un profondo senso di sdegno”, afferma Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia.Esorcista

Invocazione all’esorcista

Dal presidente della Commissione parlamentare Antimafia abbiamo udito un ragionamento da Schutz-Staffel. Le tristemente famose SS naziste che durante il Reich tedesco avevano i compiti della polizia di regime. Morra ha poi provato una penosa giustificazione, riproposta dalla senatrice grillina Silvana Abate, ma le sue parole sono purtroppo chiare e inequivocabili, e costituiscono anche un attacco contro il libero voto dei cittadini calabresi. Forza Italia metterà in atto ogni consentita azione parlamentare per ottenerne le dimissioni di questo, lui sì, impresentabile personaggio, a cui servirebbe un bravo esorcista”, sottolinea l’onorevole Siracusano.

Esorcista
Fonte: ANSA

Questione di coscienza

“Sto pensando di dare le dimissioni dal ruolo di consulente della commissione parlamentare antimafia. Perché non me la sento di frequentare una commissione presieduta da una persona che si è espressa come si è espressa su Jole Santelli”, sostiene il giudice Carlo Nordio. “Se Morra si debba dimettere o meno è affare della sua coscienza- aggiunge  Nordio-. Ma io sono rimasto addolorato e sbalordito da quelle parole, insensate. Quindi anni fa, quando presiedevo la commissione per la riforma del codice penale e frequentavo il ministero della giustizia, pur continuando a fare il magistrato a Venezia, avevo avuto rapporti molto frequenti con l’onorevole Santelli, che era sottosegretaria alla Giustizia, era diventata quasi un’amica e la consideravo una grande professionista e una bellissima persona. La sua morte cosi drammatica e in un’età cosi giovane mi ha addolorato. E mi ha addolorato sentire il presidente della commissione antimafia pronunciarsi in modo cosi improprio“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.