Bielorussia, accuse choc delle ong: “Torture nei centri di detenzione”

Secondo quanto riferito da media indipendenti, organizzazioni come Amnesty e testimoni oculari, all'interno delle prigioni sarebbero avvenute sevizie, privazioni di sonno e violenze fisiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:57

Migliaia di manifestanti rilasciati ma anche un’ondata di dissenso destinata a protrarsi ancora a lungo. Resta il caos in Bielorussia, dove infuriano da giorni le proteste contro l’ennesima conferma al potere per Alexander Lukashenko. In sella ormai dal 1994, l’ultima tornata elettorale ha lasciato più di qualche dubbio, non solo per quanto riguarda la regolarità del voto ma anche per le modalità di repressione delle proteste. Tanto che, nella giornata di ieri, i ministri degli Esteri dell’Unione europea hanno trovato un accordo politico per applicare sanzioni sia contro i responsabili delle violenze contro i manifestanti che in merito ai presunti brogli elettorali.

Torture e sevizie

Nel frattempo, i manifestanti rilasciati hanno aperto una finestra importante e agghiacciante sulla realtà dei centri di detenzione. Secondo quando emerso dai racconti delle persone rilasciate, all’interno delle prigioni si sarebbero consumate torture di ogni tipo, dalle violenze fisiche e, nel caso delle ragazze, anche sessuali, fino alla privazione del sonno, di cibo e acqua. Sevizie che, secondo quanto riferito dai media locali, sarebbero state documentate in modo inequivocabile. Anche organizzazioni internazionali per i diritti umani come Amensty international hanno rilanciato le accuse arrivate dai manifestanti e riportati da testate e network indipendenti.

Le accuse in Bielorussia

Non è nemmeno chiaro dove le persone vengano portate. A Minsk, ma anche in altre città. I racconti, a ogni modo, sono tutti perlopiù speculari. Alcune persone sarebbero uscite dalle prigioni per poi essere trasportate direttamente in ospedale. Altre avrebbero riferito delle violenze alle quali avevano assistito o delle quali erano state vittime in stato di choc. “Ci hanno detto che i centri di detenzione sono diventati camere di tortura – ha detto Marie Struthers, direttrice di Amnesty International per l’Europa orienta e l’Asia centrale -, dove i manifestanti sono costretti a giacere per terra mentre la polizia li prende a calci e li picchia con i manganelli”. Anche altri cinque esperti di diritti umani delle Nazioni Unite hanno denunciato violazioni e violenze all’interno dei centri di detenzione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.