Vince ancora Lukashenko, la Bielorussia insorge

Proteste furiose per il risultato delle elezioni che, secondo i conteggi diramati, hanno confermato alla guida del Paese Alexander Lukashenko, al potere dal 1994. Tremila gli arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Ventisei anni e, da ieri, la prospettiva di altri cinque di mandato. E con l’80,23% di voti, secondo i dati forniti dalla Commissione elettorale centrale. Questo il quadro generale che ha spinto la popolazione della Bielorussia a scendere in piazza, a scatenare l’ondata di protesta contro l’ennesima riconferma a mani basse del presidente in carica Alexander Lukashenko. A contestare i risultati elettorali è l’opposizione, i cui candidati (quattro in tutto) hanno ottenuto ciascuno meno del 2%. Risultato leggermente superiore solo per Svetlana Tikhanovskaya, che chiude sul 9,90%. Insufficienti, comunque, anche solo per insidiare la conferma di Lukashenko alla leadership del Paese.

Bielorussia, l’Ue chiede chiarezza

Stavolta, però, la contestazione delle opposizioni ha incontrato l’esasperazione popolare. E, del resto, i sospetti sulla regolarità delle elezioni sono stati avanzati da più parti, inclusa l’Unione europea. La presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, ha infatti richiesto un conteggio esatto dei voti espressi, condannando inoltre la violenta repressione delle proteste. Nel frattempo, la Germania ha fatto sapere di nutrire “seri dubbi sulla condotta e sul carattere democratico” del voto, mentre la Polonia ha chiesto la convocazione di un vertice straordinario dell’Unione europea. “Le autorità – ha detto il premier Mateusz Morawiecki – hanno usato la forza contro i loro cittadini che chiedevano un cambiamento nel paese, dobbiamo sostenere il popolo bielorusso nella sua ricerca della libertà”.

Passaggio di poteri

Almeno 3 mila gli arresti effettuati fra i manifestanti. Secondo le ong ci sarebbe stato anche un decesso fra i cittadini, smentito però dal Ministero dell’Interno della Bielorussia. Tensione altissima per le strade del Paese, dove la Polizia ha duramente represso l’ondata della manifestazioni scatenata dal voto. La candidata Tikhanovskaya, non riconoscendo l’esito delle elezioni, ha chiesto che “il potere passi pacificamente all’opposizione”. Un processo che non sarà facile, anche se la richiesta di chiarimenti da parte dei Paesi europei potrebbe portare a qualche sviluppo. Per ora, alla guida di Minsk resta il leader della Belaja Rus’, come ormai dal 1994, anno della prima vittoria politica.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.