Restituito all’Austria un manoscritto storico dell’imperatore Francesco Giuseppe

Datato 1908, redatto in tedesco e attinente all'Imperatore, è stato individuato dal Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale dei Carabinieri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:28
Immagini dei Carabinieri nucleo tutela patrimonio culturale

Un manoscritto storico è stato restituito al Consolato Generale d’Austria di Milano dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale. Si tratta del volume “Statuten für den Kaiserlich Österreichischen Franz Josef orden“, pubblicato nel 1918.

Il libro storico è stato riconsegnato al termine di un’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Gorizia. L’indagine era partita a seguito di un controllo amministrativo in un esercizio commerciale di settore del capoluogo isontino.

Il volume, destinato alla vendita per conto di un privato residente a Gorizia, ha attirato l’interesse dei militari in quanto edito nel 1908, redatto in lingua tedesca e attinente all’Imperatore d’Austria-Ungheria Francesco Giuseppe.

Sono stati attivati anche canali di cooperazione internazionale di polizia che, attraverso Interpol Austria, hanno confermato l’appartenenza del volume alla collezione della Biblioteca del Ministero Federale delle Finanze di Vienna. Qui fu integrato a seguito della soppressione del Gabinetto Imperialregio avvenuta il 14 gennaio 1919. Restano ignote le circostanze a seguito delle quali il tomo fuoriuscì illecitamente dalla Biblioteca federale.

Nessuna responsabilità è stata rilevata a carico del mandatario alla vendita, mentre il mandante è stato iscritto nel registro degli indagati perché ritenuto responsabile del reato di ricettazione e la sua posizione è ancora pendente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.