Le novità sul mini satellite italiano LiciaCube

Il veicolo si schianterà contro l'asteroide Dimorphos nella notte tra 26 e 27 settembre, sempre alla stessa ora, e il satellite italiano ha il compito di filmare lo scontro a distanza di sicurezza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:41
LiciaCube. Fonte: (@ASI_spazio)

La Missione Dart procede a pieno ritmo. La Double Asteroid Redirection Test (DART) è una sonda spaziale pensata per studiare gli effetti cinetici dell’impatto di un veicolo spaziale contro un asteroide. La missione ha l’obiettivo di verificare se l’impatto di un veicolo possa deflettere con successo un asteroide in collisione con la Terra.

Il progetto DART è un progetto congiunto tra l’agenzia spaziale americana NASA e il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory (APL). Il vettore è stato lanciato il 24 novembre 2021 dalla Vandenberg Space Force Base in California.

Lanciato il mini satellite LiciaCube

Oggi, 12 settembre, è stato raggiunto un nuovo traguardo. Alle 1:14 ora italiana, infatti, il mini satellite LiciaCube dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) che si trovava a bordo della sonda Dart della Nasa si è sganciato con successo.

Il veicolo si schianterà contro l’asteroide Dimorphos nella notte tra 26 e 27 settembre, sempre alla stessa ora, e il satellite italiano ha il compito di filmare lo scontro a distanza di sicurezza.

Entra, così, nel vivo la fase finale di questa spettacolare missione di studio dedicata alla difesa planetaria, un test per verificare se un approccio simile possa avere successo nel deviare la traiettoria di oggetti che rappresentino una minaccia per la Terra.

Il lancio di LiciaCube

Sono state ore intense e concitate: tutto il gruppo di LiciaCube, realizzato dall’azienda Argotec, ha seguito la fase di distacco col fiato sospeso, in attesa dell’aggancio del segnale avvenuto alle 2,04. L’emozione è stata grande, anche perché per l’Italia si tratta della prima sonda interplanetaria. Il team ha continuato per tutta la notte a utilizzare le finestre di comunicazione per ‘parlare’ con il piccolo satellite.

La missione è entrata, infatti, nella sua fase più importante: sono iniziate ora le operazioni di calibrazione in volo e navigazione verso la traiettoria di avvicinamento ottimale da cui osservare, da vicino ma in sicurezza, l’impatto di Dart sull’asteroide e i fenomeni successivi, primo tra tutti il getto di materiale che sarà espulso dalla sua superficie. La sonda Dart della Nasa, invece, ha ripreso il suo assetto, per proseguire il viaggio che la porterà all’impatto a circa 24mila chilometri orari.

La missione DART

La missione è partita il 24 novembre 2021, con l’obiettivo di raggiungere un sistema binario formato da due asteroidi: il più grande, Didymos – riporta Ansa – ha un diametro di 780 metri, mentre Dimorphos, che orbita intorno al suo fratello maggiore, ha un diametro di 160 metri. Poiché i due oggetti possono essere osservati dai telescopi terrestri, sarà facile verificare se l’impatto del veicolo spaziale sarà riuscito a spostare l’orbita di Dimorphos. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.