Bimba di 4 anni siriana muore di sete su un barcone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:25

Ancora una piccola vittima dei “viaggi della speranza” dei migranti, ancora una tragedia evitabile. Una bimba siriana di 4 anni, Loujin, è morta di sete su un barcone bloccato da 10 giorni in mezzo al Mediterraneo. A riportare la notizia è stata l’attivista Nawal Soufi, che da anni vive in Sicilia e si occupa di salvataggi.

Il viaggio di Soufi

La piccola era partita dal Libano – la famiglia si era rifugiata lì dalla Siria a inizio guerra – alla volta dell’Europa insieme ai genitori e alla sorella di un anno e mezzo. Si trovavano in un barcone con altre 60 persone. “Il suo pianto inconsolabile avrebbe commosso anche i sassi. Avete idea di cosa significhi per un genitore vedere morire una figlia in questo modo atroce?”, ha commentato il padre, Ahmad Adbelkafi Nasif, riportato da La Stampa.

“La barca si trovava nella zona Sar (Search and rescue) di Malta – spiega Soufi, che ha ricevuto l’Sos – e ho subito avvertito le autorità di La Valletta. Dopo un giorno di silenzio mi è stato risposto che c’era una nave in avvicinamento: ‘Il salvataggio è solo questione di tempo’, mi è stato detto”. Ma così non è stato.

Dopo circa 10 giorni, l’imbarcazione ha ricevuto i soccorsi da un mercantile battente bandiera di Antigua e Barbuda. Per Loujin non c’è stato nulla da fare, mentre la sorellina più piccola è in ospedale, ricoverata per aver ingerito grandi quantità di acqua salata nel tentativo di dissetarsi, ma non è in pericolo di vita. Anche i genitori della piccola stanno bene, in questo momento si trovano tutti a Creta. “Il nostro cuore è in cenere”, dice la mamma di Loujin, le cui ultime parole prima di morire sono state “Datemi qualche goccia d’acqua, per favore”.

Il post dell’attivista: “Malta poteva salvarli”

“Piccola mia, scusami! Ce l’ho messa tutta, ma degli adulti molto cattivi hanno deciso di non mandarti i soccorsi. Scusami e sappi che il mio cuore batteva fortissimo ogni volta che mi richiamava quel turaya che avevate a bordo di quella barca. Adesso so quasi per certo che altri due adulti sono ancora dispersi, perché caduti in acqua durante le operazioni di soccorso”, scrive su Facebook Soufi per poi ribadire a la Repubblica:

“Malta poteva salvarli quando stavano imbarcando acqua, quando riferivano che i bambini erano senza acqua e cibo e rischiavano di morire di stenti. E invece li hanno lasciati lì, fino a quando una bambina di quattro anni è morta per disidratazione. Ci sono tutte le chiamate registrate, tutte le posizioni delle imbarcazioni fotografate e inviate alla guardia costiera: ci sono tutte le prove per poter dire che questa è una chiara omissione di soccorso”.

Prima o poi verranno chiarite le esatte responsabilità, ma intanto per Loujin è troppo tardi: è morta a soli 4 anni nel silenzio generale come altri bambini prima di lei, vittime innocenti della tragedia che si consuma ogni giorni tra le varie sponde del Mediterraneo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.