Il baby Trump gonfiabile finisce in un museo

Verrà esposto nel Museum of London in ricordo delle manifestazioni contro il presidente americano nella sua visita in Inghilterra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10

Ricordate il pupazzo gonfiabile, versione bebè, di Donald Trump? Finirà esposto in un museo londinese. Come scrive il sito ansa.it “Donald Trump si è guadagnato il suo angolo di storia, almeno in un museo britannico” ma non si tratta esattamente di un omaggio al leader uscente della Casa Bianca che ha spaccato a metà l’America”. 

Il Museum of London si appresta infatti ad esporre il gigantesco pupazzo gonfiabile che venne utilizzato nelle manifestazioni contro Trump durante la sua visita ufficiale organizzata dal governo Tory guidato allora da Theresa May.

Alla versione gonfiabile di Trump, un pallone aerostatico alto 6 metri, è stato riservato uno spazio nel settore che raccoglie oggetti e ricordi di alcune dei grandi raduni di piazza svoltisi nei decenni a Londra

La direttrice del museo Sharon Ament ha detto che “il baby-Trump” gonfiabile è un simbolo “dell’ondata di sentimenti che alimentarono un momento di resistenza” e ha aggiunto di sperare che metterlo in mostra possa contribuire a “far riflettere sui motivi che indussero tanti londinesi a a opporsi alle istigazioni di Trump” e “sui modi per continuare la battaglia contro la politica dell’odio”.

La direzione del Museum of London ha fatto anche sapere di essere ora “in contatto” anche con i titolari dei diritti su un’altra effige sarcastica di segno opposto: quella ideata da un drappello di sostenitori britannici di Trump per prendere in giro l’attuale sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, protagonista di polemiche ripetute con The Donald.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.