MERCOLEDÌ 09 OTTOBRE 2019, 17:37, IN TERRIS

Incontri di civiltà. Il caso della Chiesa della Martorana a Palermo

Alla base della cupola iscrizioni in arabo che testimoniano l'incontro di civiltà e fedi

MICHELE DI BARI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La Chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio o della Martorana a Palermo
La Chiesa di Santa Maria dell'Ammiraglio o della Martorana a Palermo
U

n’attenta analisi geopolitica non può previamente prescindere dal tema del pluralismo culturale e religioso e della coesistenza tra culture e fedi religiose diverse. Questioni che quotidianamente si affacciano nelle Cancellerie, soprattutto in Europa, dove si avverte il bisogno di possedere una particolare conoscenza del fenomeno.Ed è ovvio che i migranti giunti in Europa nel secolo scorso, appartenenti a fedi e culture diverse, hanno cambiato l’agenda dei Governi fino a diventare una assoluta priorità. In una prospettiva storica si può forse ricordare il caso della Sicilia, una terra la cui storia, a differenza di altri paesi, quali la Spagna, fu segnata per secoli più dall'incontro che dallo scontro di civiltà e fedi.


La Chiesa della Martorana

Proprio in Sicilia, in particolare a Palermo, un singolare incontro tra Cristianesimo e Islam si materializzò  con le iscrizioni arabe nella chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio o della Martorana, appartenente al Fondo Edifici di Culto del Ministero dell’Interno. Si tratta di un edificio, il cui nucleo originario, di rito greco-ortodosso, fu costruito intorno alla metà del secolo XII, in stile arabo-bizantino e normanno da un grand commis del Regno normanno di Sicilia: l’ammiraglio Giorgio di Antiochia (1090 ca.-1151), comandante della flotta del Regno di Sicilia, oriundo della Siria e di confessione greco-ortodossa, che fu per molti anni al servizio del re normanno Ruggero II. Nel secolo XV la chiesa dell’Ammiraglio fu acquisita dall’adiacente monastero della Martorana che, a seguito della  soppressione degli enti ecclesiastici, iniziata nel 1855 nel Regno di Sardegna, e poi estesa a tutto il territorio nazionale, perdette la personalità giuridica, ed i suoi beni con la Chiesa annessa passarono allo Stato fino a transitare nell’odierno Fondo Edifici di Culto. Dopo l’unità d’Italia, la chiesa della Martorana fu oggetto di restauri con l’intento di riportarla, per quanto possibile, al tempo di Giorgio di Antiochia. 


Le iscrizioni in arabo

Fu quindi scoperta alla base della cupola bizantina, la cui calotta è decorata da mosaici e da iscrizioni in greco, un’iscrizione in caratteri arabi, ignota fino all’aprile del 1871, quando fu notata da Giuseppe Patricolo, professore straordinario di geometria descrittiva all’Università di Palermo. Il testo dell’iscrizione venne copiato, tradotto e pubblicato nel 1872 da Michele Amari (1806-1889), celebre arabista siciliano, professore ordinario a Pisa e a Firenze e ministro della Pubblica Istruzione dal 1862 al 1864. Nel 1870 Amari aveva già pubblicato il testo arabo di alcune sentenze coraniche presenti su due delle otto colonne della chiesa della Martorana. Ma l’iscrizione in caratteri arabi rappresenta la vera novità poiché contiene non versetti del Corano, ma formule o acclamazioni liturgiche cristiane (Sanctus, Osanna, Gloria, Agnus Dei), usate sia nella Chiesa orientale sia in quella occidentale. Si può supporre dunque che le preghiere al Dio dei Cristiani recitate dal potente ammiraglio di Sicilia suonassero in lingua araba e questo certamente non deve essere stato un caso unico nella Sicilia del secolo XII. Un incontro di civiltà che ancora oggi può dirsi attuale

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca