Scarico reflui e abbandono rifiuti: sequestrate 4 aziende in Campania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:33

Non c’è solo il coronavirus e la conseguente chiusura delle scuole a preoccupare il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, ma anche l’inquinamento ambientale.

Il sequestro delle aziende

I titolari di quattro aziende campane sono infatti stati accusati, a vario titolo, di scarico abusivo di reflui industriali, abbandono di rifiuti ed emissioni in atmosfera senza autorizzazioni.

Le aziende sottoposte a sequestro oggi tra Striano (Napoli), Pagani e Scafati (Salerno) sono I Sapori di Corbara, Fratelli Cavallaro società agricola, Gimal e Agriconserve Rega, tutte operanti nel settore della metallurgica pesante e dell’attività conserviera.

I carabinieri del comando gruppo per la tutela ambientale di Napoli hanno dato esecuzione a quattro decreti di sequestro preventivo emessi dal gip del tribunale di Nocera Inferiore su richiesta della Procura e del gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina.

Il sequestro preventivo delle aziende, secondo quanto ritenuto dai due giudici delle indagini preliminari di Nocera Inferiore e Torre Annunziata, si sarebbe reso necessario “per impedire la protrazione dei reati accertati e l’aggravamento delle conseguenze degli stessi e per evitare l’ulteriore compromissione dell’ambiente circostante“, come è scritto in una nota firmata congiuntamente dai procuratori di Nocera Inferiore, Antonio Centore, e Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso.

Marcianise

Sempre oggi in Campania, in provincia di Caserta, i militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Marcianise hanno svolto, nel territorio del comune di Marcianise, un servizio di controllo dei rifiuti speciali ivi movimentati.

Nel corso del monitoraggio hanno sorpreso alla Via Varese un Apecar Piaggio mentre stava trasportando 3 quintali e mezzo di rifiuti speciali non pericolosi – nello specifico, di natura ferrosa – senza essere iscritto all’Albo dei Gestori Ambientali. I militari hanno così proceduto al sequestro del mezzo e dei rifiuti e denunciato il proprietario per il reato di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi.

L’ape piaggio fermata dai militari di Marcianese
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.